Terziario, lieve recupero dei fatturati a fine 2011

0

Le imprese bresciane del settore terziario hanno realizzato nel quarto trimestre del 2011 un recupero dell’attività, dopo la flessione sperimentata nella rilevazione precedente: nel complesso il saldo fra coloro che hanno dichiarato variazioni in aumento e in diminuzione del fatturato è infatti positivo (+36%). Gli operatori dei servizi alle imprese sembrano quindi non risentire particolarmente della forte contrazione della produzione che sta caratterizzando il made in Brescia manifatturiero.

Con riferimento alla segmentazione per comparto di attività, i settori più interessati all’incremento del volume d’affari risultano essere Informatica e attività connesse, Ingegneria, progettazione, collaudi e analisi e Altri servizi; i rimanenti cluster non evidenziano invece particolare dinamismo a riguardo.

Le aspettative a breve propendono per un ulteriore, ma modesto, aumento dell’attività; le previsioni per le imprese del settore dei servizi risultano quindi moderatamente più ottimistiche rispetto a quelle rilasciate dagli operatori del manifatturiero, le cui prospettive per i prossimi mesi risultano orientate per una nuova diminuzione della produzione.

L’andamento per settore

  • Contabilità e consulenza amministrativa e gestionale

Continua la fase di stanca per le imprese del comparto, tendenza che ha riguardato l’intero 2011. Le prospettive a breve sono per un’ulteriore riduzione degli attuali livelli di attività, accompagnati da un nuovo aumento della concorrenza.

  • Informatica e attività connesse

Le imprese del comparto hanno dichiarato un aumento del fatturato, dopo la flessione riscontrata nel trimestre precedente; segnali positivi giungono anche dagli ordini, dagli investimenti e dalla manodopera. Le aspettative per i prossimi mesi sono moderatamente ottimistiche per quanto riguarda le vendite, gli investimenti e la forza lavoro.

  • Ingegneria, progettazione, collaudi e analisi

Prosegue la buona fase congiunturale per gli operatori del comparto; il quadro sostanzialmente positivo è confermato dai dati sugli investimenti e l’occupazione. Le aspettative a breve sono positive, tuttavia la forza lavoro non dovrebbe registrare variazioni significative.

 

  • Pubblicità, marketing e comunicazione

Le imprese del settore hanno dichiarato un sostanziale mantenimento dei livelli di attività riscontrati nella precedente indagine: le prospettive per i prossimi mesi non inducono a prendere in considerazione rilevanti variazioni del volume d’affari rispetto a quanto sperimentato nel quarto trimestre dello scorso anno.

  • Ricerca, sviluppo e selezione del personale

Gli operatori del comparto non evidenziano alcuna variazione del fatturato, dopo la contrazione che aveva caratterizzato la rilevazione nel periodo luglio-settembre. Vengono invece segnalate flessioni per quanto riguarda gli investimenti e la manodopera. Le prospettive per i prossimi mesi propendono per il sostanziale mantenimento degli attuali livelli di attività, mentre ulteriori diminuzioni sono attese per gli investimenti e la forza lavoro.

  • Smaltimento rifiuti e disinfestazione

Il comparto si caratterizza per lo scarso dinamismo che ha contraddistinto tutte le variabili oggetto d’indagine. Tale tendenza dovrebbe proseguire anche nei prossimi mesi, in cui non si dovrebbero registrare significative variazioni per quanto riguarda l’attività, gli ordini, gli investimenti e l’occupazione.

  • Altri servizi

Le imprese del settore esprimono un’evoluzione positiva per quanto riguarda il fatturato, mentre segnali negativi provengono dagli ordini, dagli investimenti e dalla forza lavoro. A breve non si attendono ulteriori variazioni in riferimento alle vendite, mentre gli investimenti e l’occupazione sono attesi nuovamente in flessione.

L’Indagine viene effettuata trimestralmente su un panel di circa 50 imprese associate appartenenti al settore terziario.  

Comments

comments

LEAVE A REPLY