Loggia, via libera tra le polemiche al Bitumificio Gaburri di Buffalora. Scontro Udc-Lega

0

Ancora polemica, in Loggia, sulla questione del nuovo bitumificio Gaburri, che dovrebbe essere realizzato a Buffalora dando seguito all’accordo del 2009 tra Gaburri, Italgross e Comune. Nella scorsa seduta la discussione era stata rinviata su richiesta del Pd. Che oggi – per bocca del consigliere Claudio Bragaglio – ha presentato una nuova richiesta di sospensiva, proponendo ancora di riportare la discussione in commissione (coinvolgendo anche quella che si occupa di Ambiente) e sottolineando come la delibera rischierebbe di essere cancellata dal Tar a causa di “un errore materiale”. Ma sulla sospensiva la maggioranza ha votato contro in maniera compatta (astenuti Recupero, Castelletti e Rebecchi). Quindi ha preso la parola l’assessore Maurio Margaroli che ha sottolineato come la Loggia abbia ricevuto ampie rassicurazioni sul fronte ambientale (“gli impianti inquineranno cento volte meno di quanto fanno oggi”). Ma nel dibattito la minoranza è stata dura. Alfredo Cosentini (Idv) ha annunciato “voto contrario a questo attacco alla salute”, Donatella Albini (Sel) ha mosso pesanti critiche al progetto e invocato il ritorno in commissione, mentre Fabio Capra (Pd) ha sottolineato le numerose situazioni a rischio ambientale della zona, spiegando che la Loggia non fa abbastanza per riqualificarla. Aldo Rebecchi, ancora, ha proposto di valutare l’ipotesi di spostare l’impianto nelle aree Caffaro, in modo da “risarcire i cittadini” e avere una posizione vicina al nuovo innesto della tangenziale.

Ma pesanti polemiche sono nate anche all’interno della maggioranza per la raccomandazione della Lega che chiede la rinaturalizzazione (bosco con laghetto) dell’ex cava Pasotti invece del previsto tombamento. Una proposta che di fatto – spiegano gli addetti ai lavori – implicherebbe lo stop al progetto del bitumificio. Il sindaco ha discusso a lungo durante il consiglio sulla questione, cercando di convincere la Lega a ritirare la proposta. Un tentativo non riuscito, visto che la Lega ha annunciato voto favorevole al progetto (con la sola eccezione di Pierraul Francesconi, astenuto), ma ha contemporaneamente ribadito il sostegno alla raccomandazione, che al momento del voto potrebbe trovare anche il decisivo appoggio della minoranza. Ma la questione è stata risolta comunque con un’interpretazione tecnica, tanto che anche l’assessore Paola Vilardi al dunque ha dato il suo placet. Polemica, comunque, l’Udc che ha annunciato voto favorevole "senza però il bisogno di salvarsi l’anima come altri". Un chiaro attacco agli alleati leghisti. 

Sulla delibera la maggioranza ha votato a favore, con le astensioni di Francesconi, Luigi Recupero e Piergiorgio Agnellini. Contraria l’intera opposizione. Mentre la raccomandazione leghista è stata votata da tutti tranne che dai consiglieri dell’Udc (che hanno così concretizzato la loro polemica con la Lega).

LA PREMESSA

In base all’accordo 2009 Italgross acquisirà l’area Gaburri per edificare la sede del gruppo e il nuovo polo logistico (superficie coperta 56 mila metri quadrati); il cavatore che venderà l’area rinuncerà a un contenzioso con il Comune per 300 mila metri cubi residui di capacità di escavazione, ottenendo così la possibilità di spostare impianti e uffici nell’area di escavazione Ate 25, al confine con Rezzato; il Comune chiuderà il contenzioso con Gaburri, sistemerà l’area e incasserà gli oneri. Inoltre, nell’area di circa 88 mila metri quadrati che si trova nel nostro comune, saranno trasferiti gli impianti per la produzione d’asfalto. 


Comments

comments

1 COMMENT

  1. Miseramente fallito il solito giochetto della lega dal piede in 2 scarpe. Resta il fatto valido che ha votato a favore dello scempio del territorio bresciano. Leghisti, noi padroni a casa nostra e voi della padania che non esiste!

  2. E bravo Rebecchi!siccome nell’area Caffaro non ci sono problemi, ne aggiungiamo altri! Bella proposta, complimenti!!!!

  3. Via panoramica o piazza della loggia: un nuovo bitumificio che non emette odori e quant’altro non potrà che essere accolto a braccia aperte dalla Vilardi o da Paroli..

LEAVE A REPLY