Modern promuove la mobilità sostenibile cittadina. Il vicesindaco Rolfi: “Brescia città modello”

0

I coordinatori tecnici e gli ispettori del consorzio Modern (Mobiliy development and energy use reduction) con cui le città di Brescia, Craiova, Vitoria-Gasteiz e Coimbra hanno aderito a Civitas,  progetto europeo sulla mobilità sostenibile, hanno visitato la nostra città e incontrato i rappresentanti dell’amministrazione comunale per valutare in termini economici e tecnici il raggiungimento degli obiettivi preventivati. Hanno espresso piena soddisfazione per quanto finora realizzato e hanno invitato il Comune di Brescia a proseguire nella direzione presa.
Il progetto europeo Civitas rappresenta per Brescia una grandissima opportunità di crescita in quanto permette il continuo confronto con altre realtà europee in materia di mobilità sostenibile e ha consentito alla nostra città, attraverso alcune scelte rivoluzionarie, come l’introduzione del bike sharing, del car sharing, la pedonalizzazione e la razionalizzazione della distribuzione urbana delle merci, di far crescere il livello di attenzione a favore della mobilità sostenibile come dimostrato dallo studio del Ministero dell’Ambiente che ha visto la nostra città scalare molte posizioni, passando dal quattordicesimo al quarto posto, nel confronto tra le principali cinquanta realtà italiane.
“Il progetto Civitas fa notevolmente aumentare le competenze amministrative. – ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla Mobilità e traffico del Comune di Brescia, Fabio Rolfi – Città di medie dimensioni spesso sono poco esposte a livello internazionale e le amministrazioni normalmente sono orientate a garantire efficienza e standard di buona qualità, senza tuttavia investire in innovazione a livello di mobilità urbana. Progetti europei e internazionali migliorano invece la capacità di gestione dei comuni partecipanti, grazie soprattutto alla collaborazione con colleghi che operano sul fronte internazionale”.

“Il nostro progetto è finalizzato alla realizzazione di una vera e propria rivoluzione in materia di mobilità. – prosegue Rolfi – I tecnici del consorzio Modern hanno particolarmente apprezzato il coinvolgimento dei giovani, che riteniamo indispensabile per un reale cambiamento culturale per il futuro. I giovani sono più facilmente predisposti a recepire l’innovazione e ciò è dimostrato per esempio dall’ampio utilizzo del bike-sharing. Ricordo infatti che BiciMia, come dimostrato da tutte le statistiche, è il servizio più utilizzato a livello nazionale, grazie anche alla diffusione delle stazioni in tutto il centro storico e delle recenti installazioni nelle periferie. Questa amministrazione ha inoltre introdotto una serie di agevolazioni significative per incentivare i servizi di trasporto sostenibile per gli studenti universitari: 50% di sconto sull’abbonamento annuale TPL per le matricole, 70% di sconto sul servizio car-sharing per tutti e bike sharing gratuito. In attesa anche della realizzazione della metropolitana stiamo lavorando sulla nuova rete TPL integrata e abbiamo introdotto, primi in Italia, la omnibus card, carta integrata dei servizi di trasporto, al fine di agevolare l’intermodalità tra i vari servizi. Adesso abbiamo iniziato a lavorare per la realizzazione della centrale di monitoraggio del traffico in tempo reale”.

“Una serie di iniziative – conclude il vicesindaco – che ci hanno permesso di ricevere diversi riconoscimenti a livello europeo, ma che soprattutto hanno consentito di trasformare Brescia in una città modello in materia di mobilità sostenibile. Nei prossimi giorni partirà la seconda fase della pedonalizzazione del centro storico e i residenti, i commercianti e i turisti potranno così usufruire di una città a misura d’uomo, in grado di offrire servizi di trasporto all’avanguardia”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. le cose per cui viene premiata Brescia non sono certo merito dell’attuale Amministrazione! Rolfi dovrebbe avere un po’ più di pudore prima di intestarsi meriti non suoi!

LEAVE A REPLY