Patologie respiratorie, nuovi dati dell’Asl: i bambini della Circoscrizione Est si ammalano di più degli altri

0
Bsnews whatsapp

(a.c.) I risultati dell’indagine di un anno fa avevano creato non pochi timori, ed ora, con la pubblicazione di nuovi dati da parte dell’Azienda Sanitaria Locale, questi timori non fanno che aumentare: i bambini tra i 6 ed i 14 anni che risiedono nella Circoscrizione Est si ammalano più frequentemente di patologie respiratorie ripetto ai loro coetanei nel resto della città.

L’Asl ha condotto l’approfondimento della vecchia indagine sulla base delle residenze amministrative dei bambini, passando al vaglio migliaia di questionari compilati dai genitori dei piccoli. Da questo approfondimento sarebbe emerso che, come riporta Bresciaoggi in edicola stamane, i bambini della Circoscrizione Est presentano nel 20-30% di casi in più problemi di tosse secca durante la notte, difficoltà di respiro, disturbi nasali e varie malattie repiratorie più gravi, tali cioè da rendere necessario il ricovero ospedaliero. I problemi sono quasi esclusivamente di natura respiratoria.

Lo studio non si esaurisce qui: per il futuro L’Asl ha annunciato che promuoverà nuove indagini su altre tipologie e categorie di cittadini. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. poche chiacchiere, passate ai fatti. con i soldi spesi per altre indagini non si fa nulla, meglio spenderli per piantumare più alberi e per evitare inutili costruzioni di bitumifici/poli logistici.
    Abbiamo capito che la giunta comunale PDL+LEGA è totalmente disinteressata ai problemi ambientali della città, quindi basta prendere in giro le persone.

  2. mah…a san polo si respira male, alla est si respira male, alla ovest c’è il pcb, nella centro lo smog…boh, a me sembra che in questa città si respiri male ovunque

  3. … che Paroli, lasciato il doppio incarico, sarebbe stato più presente: vi risulta che abbia fatto una dichiarazione nel merito, tipo anche solo "stiamo lavorando, stiamo vedendo"… Nulla…

  4. Beppe Grillo sono ANNI che lo stà gridando questo stato su Brescia ma chi deve sentire e agire fa finta che il problema non sia così grave, come sempre.

  5. Constatato chi i bambini della est sono maggiormente esposti ai rischi relativi ai problemi respiratori, cosa possiamo sapere dei bimbi di Brescia rispetto ai loro coetanei di altre città? Ci hanno pensato a fare un raffronto dei dati per poterci meglio spiegare le situazioni a rischio paragonate ad altri luoghi dove convivono inceneritori e discariche, industri e traffico?

  6. MA tutto questo inquinamento con Corsini non c’era o tutti hanno fatto finta di non sapere ?Ricordo che mia figlia (abito alla sud) ,già una decina d’anni fa continuava ad avere bronchiti, tonsilliti e via discorrendo ed il medico diceva che era colpa della zona in cui risedevamo , ovvero che era colpa del termovalorizzatore che, non mi pare sia colpa di Rolfi e c…

  7. Può essere che sussistano anche responsabilità della precedente Giunta Corsini, ma questi qua non hanno fatto altro che peggiorare la situazione portando ad 800.000 tonnellate annue i rifiuti bruciati nell’inceneritore, oltre a far crescere a dismisura la quantità di polveri sottili nell’aria della città con poltiche sbagliate per quanto riguarda la mobilità ed il traffico. Per cui bisogna prenderne atto e cercare altrove i rappresentanti politici della città, cominciando dalle forze politiche attualmente rappresentate in Loggia.

  8. Avanti così cittadini bresciani: continuate a votare lo sceriffo Rolfi, vomitate rabbia sui negher e sugli extracomunitari, che gli operosi imprenditori e i probi amministratori patagni intanto vi fanno schiattare di malattie e vi rubano soldi a man bassa. Ma l’importante è chiudere i campi dei Sinti e controllare i kebabbari e arrestare chi scrive sui muri. Va bene così, tanto respiriamo tutti, anche i vigili e anche i figli dei leghisti, dei fascisti, dei forzitalioti e pure i figli di chi una volta stava col popolo e oggi è "trasversale". Vuoi vedere che l’egalité ormai sta solo nella merda che respiriamo e beviamo tutti?

  9. L’ultimo commento è da condividere, in particolare sull’argomento "trasversalità" che attraversa la società bresciana, quando di mezzo ci sono gli sghei e non il diritto alla salute delle persone.

RISPONDI