Adro, vandali in azione contro la sede Pd: spaccata la vetrina a sprangate

43

Ennesimo atto vandalico contro la sede PD a AdroE’ la seconda volta che la sede del Partito Democratico di Adro viene danneggiata: la prima volta è stato nel 2008, alla vigilia delle elezioni politiche, la seconda volta stanotte. La vetrina della sede è stata infranta con una spranga di ferro che è stata ritrovata poi all’interno: non si tratta di un tentativo di furto, ma di un atto vandalico e intimidatorio. "Purtroppo – commenta Pietro Bisinella, segretario provinciale PD – questo atto gravissimo è figlio del clima che si respira da tempo a Adro e in alcuni comuni della nostra provincia, dove si sono verificati episodi che hanno gettato il seme dell’intolleranza e dell’antidemocrazia. E’ ora di ritornare a fare politica nella legalità, nel rispetto di chi la pensa in modo diverso". "Questo – spiega Silvio Ferretti, portavoce del PD di Adro – è un grave atto di intimidazione, denota il clima di tensione  e intolleranza verso chi porta avanti idee come quelle della democrazia, della legalità, della tolleranza. Questo non ci spaventa, anzi ci rafforza nella nostra convinzione di essere sulla strada giusta, per questo continueremo ad andare avanti, nel rispetto delle leggi. Voglio ringraziare per la solidarietà che ci è stata espressa il PD provinciale, la Cgil e gli amici di Adro. Ci auguriamo che questo serva ad abbassare i toni e riportare la politica nel suo giusto ruolo, affinchè al diritto della forza prevalga la forza del diritto".

Comments

comments

43 COMMENTS

  1. chiunque sia stato (chissà perché tutti pensiamo la stessa cosa) esprime in quel modo la disperazione di un progetto politico fallito.

  2. Ma non dovrebbe essere messo in NERA questo comunicato?
    Se è un atto vandalico dovrebbe essere messo lì. Anche infrangere le vetrine di una banca da parte di un VANDALO viene messo in nera.

  3. Dai toni mi sembra che il più nostalgico del ventennio sia lei. Io non posso saperlo perchè non ho l’età per poterlo essere. Comunque se ritenete che un vetro rotto ad una sede di partito sia da attribuire senza ombra di dubbio a qualche fazione antagonista allora non c’è problema. Contenti voi contenti tutti. Ognuno è libero di scegliere il nemico che più fa comodo.

  4. neropece senza ombra di dubbio pensa invece che sia da escludere un movente politico. forse ha ragione: è stata vetro che si è lanciato contro la spranga di ferro…..

  5. per una sinistra moderata ed estrema allo sfascio ( vedi regione Umbria ) questi atti tengono vivi nella memoria delle gente che esistono anche loro ahahaha , se non ci fossero PD e nazicomunisti cadrebbero nel dimenticatoio degli elettori.

  6. ma lascia stare Neropece e’ tempo perso… non vorrai mica insegnare la democrazia ad un ideologia comunista la quale ha portato piu’ di 60 milioni di morti ?

  7. Il movente politico lo deduce il fatto che è la vetrina di una sede politica?. Ci può stare, ma da qui ad accusare fazioni antagoniste ce ne passa. Ma siccome chi ha scritto il commento dice esplicitamente che è stato un atto di disperazione di un progetto politico fallito (la pensano tutti cosi) o sapete esattamente chi è stato altrimenti non lo scriva. Comunque la chiudo qui. Ero solo partito con il chiedere perchè il comunicato stampa non era stato messo in cronaca nera e sono arrivato con qualcuno mi ha già decretato un nostalgico del ventennio. Che poi, visto come stanno andando le cose con questa attuale sinistra, con la sinistra del passato, con questi interlocutori, (leggo molto e non solo quello scritto da una parte sola) non sarebbe nemmeno il peggiore di tutti i mali. Anzi.

  8. pensa a tutte le vetrine e gazebo della Lega distrutte dai nazicomunisti , qualche quotidiano o sito internet si e’ mai messo a piangere ? lo sappiamo come funziona , lasciamogli pure parlare ….ma interloquire e’ perfettamente inutile.

  9. chi sono i nazicomunisti? una nuova invenzione dopo la padania? allora potremmo anche dire che la vetrina l’hanno rotta i nazi-leghisti. un po’ di decenza e onestà, per favore!

  10. chiunque rompa deliberatamente un vetrina è un disperato, nel senso che non ha speranza di far valere la sua idea in altro modo. vale per questa vetrina come per tutte le altre vetrine di qualsiasi colore politico. ad adro chi è disperato al punto da prendersela con la vetrina di un partito? non penso proprio sia stato lancini in persona, ma qualche suo ammiratore (poco sveglio sicuramente) che abbia voluto così vendicare il 9 a zero delle ultime vicende giudiziare è molto probabile.

  11. Lasciamoli nella loro brodaglia di ipocrisia e arroganza. Leggi i loro comunicati e poi pensa a quello che hanno fatto durante i loro cortei sventolando la loro bandiera del diritto. Questo atto "gravissimo" è esattamente gravissimo come quello di distruggere un gazebo di qualsiasi altra fazione politica che non sia la vostra. Peccato che manchiate sempre di ricordarlo quando succede. Questa è la vostra democrazia. All’ombra di una falce e martello non ne potete rappresentare nessuna.

  12. dall’altra parte del muro gli altri sono tutti cattivi e malvagi, ipocriti e melmosi. da questa parte invece tutti buoni e onesti. la propria parte è sempre la migliore al punto che anche la nera pece pensa che la "brodaglia ipocrita" sia dall’altra parte.

  13. Ripeto, non ho mai visto così tanta ipocrisia nella sinistra. Non ho detto che dall’altra parte non ve ne sia. Ma la sinistra italiana si è sempre arrogata il diritto di essere portatrice di democrazia. Il problema è che lo deve dimostrare con i fatti e non con i proclami. Le belle parole restano solo belle parole. Che il centro destra non sia un bell’esempio di lealtà e di rettitudine lo dimostrano i fatti. La sinistra invece insiste e cerca di far credere che sia pulita e diversa. Ma non lo è. Ognuno guardi nel proprio orticello che di erbacce da sradicare ce ne sono fin troppe. Dovreste incominciare a parlare di programmi e non di inutili referendum propagandistici. Magari parlare agli italiani. Cosa che ultimamente vi state dimenticando di fare, troppo concentrati a parlare ALTRE lingue. Approposito di democrazia. Le foibe sono esistite. Lo dica a Diliberto, Vendola, Cossutta e compagnia bella. Approposito di democrazie e intelligenza…Ma che vergogna….

  14. Le foibe sono esistite così come la seconda guerra mondiale il milione di morti slavi ad opera dei nazifascisti, i rastrellamenti e, poi, purtroppo le ritorsioni.

  15. Sul sito dei Comunisti Italiani, qualche giorno fa c’era un bell’articoletto poi tolto (perchè non hanno nemmeno il coraggio delle loro azioni), dove però, i cattivi come me, leggono. Ho ste brutto vizio di non fermarmi mai al primo sito che trovo e che farebbe comodo leggere per faziosità . Il servizio iniziava con queste parole:
    “Perché questa montatura?
    Perché giornali, TV e tutto l’arco politico, ad eccezione del PRC, ha accettato come verità di Stato da imporre a tutti le menzogne di questo gruppo di fascisti incalliti?"
    Si delirava che: le foibe furono una invenzione fascista.
    Ho guardato "oltre il muro" caro signore, ecco perchè educatamente ho chiamato "brodaglia ipocrita" quello che avrei dovuta chiamare in altro modo. Dalla mia parte invece, di ipocrisia ne ho trovata talmente tanta che ho smesso di trovare anche una minima scusa per giustificarla. E’ questa la differenza tra obbiettività e faziosità. La differenza che probabilemtne ci sarà tra me (che non voterà) e chi continuerà a farlo in nome di questa "vostra" democrazia).
    Sono coscente di essere uscito dalla tematica, ma quando leggo certe cose….

  16. Le foibe sono state un brutto momento della fine seconda guerra mondiale seguite alle ritorsioni dopo che i nazifasciti e ustascia slavi avevano assassinato (pulizia etnica) 1 milione di donne e uomini della penisola balcanica. Anche questa è storia e, per correttezza dovrebbe essere citata. Detto questo, risultano, comunque intollerabili le vendette fatte in nome di una ipotetica giustizia che avrebbe dovuto prendere le distanze dai crimini praticati nella seconda guerra mondiale ad opera degli aggrssori italo-tedeschi ai danni dei popoli slavi.

  17. Su quanto dice non ho nulla da eccepire. Il nazifascismo ha fatto di tutto e di più. Lo legge su qualsiasi libro di storia. Lo insegnano nelle scuole. Delle foibe si è iniziato a parlarne nei primi anni 90. Cioè sessant’anni dopo. Nel 2012 ci sono politici che addirittura dicono che sia stata una invenzione fascista e che oggi si vuole ricordare per controbilanciare gli orrori fatti dal nazifascismo. E chi sono questi signori? Sindaci di città come Milano e come Napoli. Oltre a Pisapia e Vendola anche De Magistris non ha voluto firmare per il riconoscimento del giorno del ricordo. Questo è un fatto gravissimo, non la vetrinetta rotta da un disperato.

  18. Scusi neropece, vorrei ricordarle un piccolo particolare, la sede in oggetto è del PARTITO DEMOCRATICO. Un partito che esiste da circa quattro anni in Italia, un partito nuovo al quale aderiscono molti uomini e donne che sono state nella loro storia totalmente anticomuniste come lei immagino. Quindi i suoi commenti li deve evidentemente rivolgere altrove, pena tentare maldestramente di arrampicarsi sui vetri.

  19. ..provate a cercare le vetrine rotte e/o sedi danneggiate di partiti,sindacati,associazioni e fatene una classifica x numero..ne vedremo delle belle

  20. vedo che c’e’ ancora chi difende il comunismo , comunque nazicomunisti = nazifascisti , anzi forse contando i morti di queste 2 ideologie idiote i comunisti ne hanno ammazzati un 20 milioni in piu’…indifendibili

  21. Non è sufficente cambiare l’abito. Vedo tra le vostre fila mestieranti della politica proveniente dal Partito Comunista, dal Partito Repubblicano,Liberali e Socialisti.
    Un partito nato già vecchio ideologicamente. Altro che progressista. Lo dimostrano i proclami stile anni di fuoco. "…questo atto gravissimo è figlio del clima che si respira da tempo a Adro e in alcuni comuni della nostra provincia, dove si sono verificati episodi che hanno gettato il seme dell’intolleranza e dell’antidemocrazia". E’ bastata una vetrina rotta e le stupidate di un sindaco incapace e i mio dubbio se mettere questo servizio in cronaca nera piuttosto che in politica per rispolverare gli spettri del ventennio. Ammazza come siamo messi male.

  22. Vedo che vi piace mettere un pò di "nazi" dove fa comodo. Peccato che invece, alcuni movimenti studenteschi di sinistra si cucirono davvero l’appellativo di "nazimaoisti" verso la fine degli anni 60′. Due ideologie però di sinistra appunto come quella del barbuto Che Guevara e del cinesino Mao Tsedung. Due esempi di democratica dittatura. Quella che ci vorrebbe alla gente che ha sempre visto in questi 2 dittatori un esempio da seguire. La questione è abbastanza confusa, ma parlando di sinistra la cosa non dovrebbe meravigliare. Si parla addirittura di democrazia in un partito nato e che ancora oggi vive a contatto e nell’ombra di una falce e di un martello.

  23. Belli gli aggettivi di neropece: il "barbuto" ed il "cinesino". Che ci dice di quelli che governano nell’ombra (o ancora nella luce…) del "pelato"? E parlo di quello senza bandana, sia chiaro…

  24. Il pelato chi è?Bisinella? Il comunicato stampa si riferisce al vetro rotto, non vedo l’attinenza di tutto il resto. Che fine ha fatto Tolotti (visto ieri in tv a la7)?

  25. ROMA – Arresto eccellente di fronte al municipio di Pomezia, in quel di piazza Indipendenza. In manette è finito il consigliere comunale del Pd Renzo Antonini, colto in flagranza dai carabinieri mentre intascava denaro consegnato da una persona all’interno di un’automobile. Il tutto poco prima dell’inizio della seduta del consiglio comunale. Secondo quanto appreso, a conseganre il denaro al consigliere del Pd sarebbe stato il responsabile di una ditta che si occupa di facchinaggio e pulizie. La somma intascata da Antonini, noto anche per la sua attività di sindacalista, sarebbe di 2500 euro.

    MAZZETTE PER ANNI – Antonini era da tempo finito nel mirino degli inquirenti, sospettato di intascare bustarelle per favorire l’assegnazione di appalti, anche se non è chiaro se siano direttamente collegati alla sua attività di consigliere comunale. Giovedì mattina un’altra ditta di pulizie ha consegnato ad Antonini la somma di 2500 euro come anticipo su un appalto che a breve avrebbe gestito. Ma stavolta, a seguire l’operazione in diretta, c’erano i carabinieri che poco dopo hanno fermato Antonini, tra molti cittadini e politici presenti a due passi dal Comune.

    L’ARRESTO DI ULTIMO – Ad eseguire l’arresto i carabinieri del Noe diretti dal capitano Pietro Rajola Pescarini e coordinati da Sergo De Caprio: il suo nome rimarrà negli annali per aver arrestato, nel 1993, niente meno che Totò Riina. L’allora capitano del Ros, adesso colonello Ultimo, ha oggi invece messo in carcere il consigliere truffaldino. Antonini si trova presso il carcere di Velletri.

  26. Farneticazioni di militanti di parte che nulla hanno a che vedere con il fatto accaduto. Siete veramente disperati, fate pietà!!!!!!!!!!!!

  27. E’mio primo intervento vorrei dire un paio di cose: bisogna SEMPRE condannare qualsiasi atto vandalico, soprattutto se riguarda una struttura di partito, perchè è proprio una cosa antipatica e soprattutto se fatto consapevolmente denota una mancanza di rispetto verso le opinioni altrui. L’impegno politico, soprattutto da parte dei militanti , va SEMPRE rispettato ,anche se non ne cndividiamo le idee , naturalmente purchè non sia contra legem. I commenti che ho letto nazi- leghismo, nazi- comunismo non mi piacciono. Le mele marce ci sono da tutte le parti, quindi ,per par condicio, per esempio oltre <al vice- presidente del consoiglio lombardo (PDL) è stato arrestato anche quello dell’Umbria (rif. comunista , con sostegno pd e idv)e da quel che si legge i reati di cui si sarebbe macchiato sono davvero odiosi. E la smania di potere della lega non ha eguali. Quindi ce n’è per tutti, resta il fatto che SI DEVONO SEMPRE RISPETTARE LE IDDEE ALTRUI ANCHE SE NON LE CONDIVIDIAMO.

  28. Hanno fatto bene ad arrestarlo. E lo direi di tutti, indipendentemente dalla collocazione partitica. E tu cosa commenti in merito all’atto di vandalismo verso la sede del PD?

  29. La polizia giudiziaria sta indagando? Non è che ci impiega un anno a scovare i "colpevoli"??
    E se si verificasse che è stato un caso di autolesionismo che figura di cxxxca ci abbiamo fatto a commentare il fatto?

  30. "SE" risultasse, chi ha semplicemente commentato dicendo che non si infrangono le altrui vetrine non avrebbe fatto nessuna figura di c…a. Al contrario, chi è andato a scomodare chissà chi e chissà cosa per dire che tanto, comunque, i "comunisti" sono cattivi a prescindere, la sua degna figura l’ha già fatta…

  31. Ad Adro qualcuno non sopporta la democrazia e il dissenso. Questo è l’unico triste significato di questo atto, pericoloso per tutti, bianchi, rossi e neri…e pure per i verdi.Solidarietà al PD.

LEAVE A REPLY