Brescia la bella addormentata

    0

    -di Bruno Forza-l centro storico di Brescia ha cambiato volto in questi anni, diventando il simbolo di una città che attraversa un’evoluzione demografica, sociale ed economica. I forti venti nazionali e internazionali del cambiamento hanno soffiato anche alle pendici del colle Cidneo e mentre il mondo corre a una velocità forsennata la città delle dieci giornate rallenta, adagiandosi su un provincialismo acceso solamente dai colori dell’immigrazione e dalla vitalità degli studenti che affollano gli atenei cittadini. Il quadro bresciano non è una natura morta, ma il compromesso tra il pittore dei tempi e la realtà potrebbe far scaturire – al massimo – la tipica tela autunnale. Grigi tenui e una scala di marroni arricchiti da una punta di giallo per dare un tocco di romanticismo, quello insito nell’animo dei bresciani, innamorati della loro città e del suo centro storico ma quasi rassegnati a vederla appassire e, nel peggiore dei casi, pronti ad abbandonarla nel nome di modernità e comodità. I commercianti scuotono il capo. C’è chi si affida al tradizionale vorrei ma non posso, chi punta il dito contro l’amministrazione comunale e chi lancia nuove idee sentendosi “fuori dal branco”. Il problema del centro storico non è uno solo, altrimenti sarebbe di facile risoluzione. C’è una catena di nodi da sciogliere che ha generato immobilismo e un progressivo esodo dal cuore della città. La crisi economica, infatti, non può essere l’unica ragione di spopolamento di marciapiedi e portici. C’è dell’altro. La spia rossa dell’accessibilità del centro, ad esempio, continua a lampeggiare sebbene la pedonalizzazione sia stata un’operazione sacrosanta per migliorare la vivibilità del centro. Il problema vero è costituito dai parcheggi. Quelli vicini alle destinazioni più ambite sono pochi e costosi, gli altri sono piuttosto distanti e si scontrano da un lato con la pigrizia tipica dei nostri tempi, dall’altro con le oggettive difficoltà di chi ha poco tempo, passeggini da spingere o borse da trasportare. Tutto ciò, ovviamente, gioca a vantaggio dei centri commerciali, dove tutto è a misura di cliente: posteggio, orari, distanze. L’utilizzo dei mezzi pubblici (altra tendenza estranea al nostro dna) è la via d’uscita, ma a quanto pare gli affezionati degli autobus sono solamente studenti, anziani e immigrati. Qualcuno aspetta in grazia l’arrivo della metropolitana, che in effetti potrebbe risolvere qualche problema, mentre la Loggia ha risposto al problema parcheggi con la card che offre il 50% di sconto ai residenti nei confini comunali e l’avvento di Neos Park, una sorta di parcometro di bordo che cancella l’assillo delle monete e la mannaia del biglietto in scadenza. Sono passi in avanti che andranno giudicati nel tempo, intanto non bisogna smettere di guardare avanti migliorando l’offerta del trasporto pubblico e agevolandola, soprattutto nei fine settimana. I commercianti, inoltre, devono fare sinergia tra di loro e con il Comune studiando le strategie migliori per venire incontro ai clienti. Il centro, tuttavia, deve diversificarsi, come ogni azienda che si trova in stand by. L’impressione, infatti, è che Brescia offra troppo poco ai bresciani e ai turisti, di giorno e soprattutto di sera (eccezion fatta per piazzale Arnaldo, che peraltro andrebbe sostenuto e non penalizzato). Negli ultimi anni Piazza Duomo è diventata un gioiellino, ma in naftalina. Le notti bianche funzionano a corrente alternata. Il Natale in centro è pittoresco e suggestivo, ma non è sufficiente. La promozione di Santa Giulia a patrimonio dell’Unesco è un vanto, ma non deve rimanere una medaglia da appendere in bacheca. È tempo di conferire nuovo lustro a una Brescia da ricostruire nelle proposte e nei servizi guardando alle grandi città d’Europa ma mantenendo intatte le sue caratteristiche. Largo alla tradizione e all’arte, porte spalancate ai giovani e alla loro fantasia, estensione degli orari della vita cittadina. Non vogliamo cadere nel tranello dell’erba del vicino, ma se torniamo entusiasti da una serata a Verona o da un giro a Pistoia, senza scomodare il fine settimana a Parigi o la vacanza a Valencia, significa che c’è da rimboccarsi le maniche, oppure chinarsi sulla nostra bella addormentata, che aspetta solamente il bacio che merita.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome