L’acqua infetta di San Felice del Benaco manda alla sbarra Garda Uno

0

Nel giugno del 2009 l’epidemia provocata dall’acqua infetta di San Felice del Benaco colpì duemila persone tra residenti e villeggianti. Ieri l’apertura del processo a carico dei dirigenti della società Garda Uno, il presidente Mario Bocchio, il direttore generale Romano Richetti e il responsabile del settore ciclo-idrico integrato Mario Giacomelli con l’udienza davanti ai giudici della seconda sezione penale per l’ordinanza ammissiva delle prove e delle costituzioni di parte civile. Sono cinquanta, comune di San Felice del Benaco compreso, gli ammessi a costituirsi parte civile, mentre i dirigenti saranno ascoltati solo il prossimo 16 maggio e quel giorno dovranno rispondere di epidemia di gastroenterite provocata dall’inquinamento delle acque. Secondo le analisi condotte dagli esperti subito dopo l’epidemia, i disturbi gastrointestinali (alcuni dei quali ancora in essere tra gli infettati) sono stati provocati da alcuni microrganismo patogeni, il clostridium perfrigense e norovirus, trovati nell’acqua dell’acquedotto. Secondo l’accusa la contaminazione è da imputare alla negligenza e imprudenza nella gestione della rete idrica comunale, visto che i responsabili non fecero nulla per impedire l’epidemia. Inoltre, il pm rilevò non esisteva una figura professionale in grado di interpretare i dati sui mutamenti nella qualità dell’acqua dell’acquedotto. Per la difesa, invece, le analisi effettuate dall’Asl avrebbero dimostrato che l’acquedotto non presentava anomalie tali da provocare eventuali infezioni batteriche.

Comments

comments

LEAVE A REPLY