Condannato a otto anni l’operaio rumeno che violentò la figlia 14enne

0
Bsnews whatsapp

E’ stato condannato a otto anni l’uomo rumeno accusato dalla figlia, allora 14enne, di ripetute sessuali tra il 2004 e il 2007. Oltre al carcere, all’uomo è stata revocata la potestà genitoriale e imposto una provvisionale immediatamente esecutiva di 25 mila euro per la parte civile e un risarcimento danni ancora da determinare. Le violenze sarebbero state commesse fra la Bassa Valcamonica e la Bergamasca e ribadite in aula ancora oggi dalla ragazza, ora 19enne. Il padre, invece, ha continuato a dichiararsi innocente ed estraneo alle accuse, vittima di una vendetta familiare. Ora si attendono le motivazioni della sentenza ma con ogni probabilità la difesa proporrà il ricorso in Appello.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI