Flooding Noise, terza personale di Tonylight negli spazi di Fabio Paris

0

Fabio Paris Art Gallery è lieta di presentare Flooding Noise, terza personale di Tonylight negli spazi della galleria. La mostra esplora il tema del “noise”, principio e fine di ogni segno comunicativo, magma primordiale da cui il senso trae origine, e in cui collassa.
Il cuore della mostra è l’installazione Photo Noise, basata sul Lumanoise, un sintetizzatore sviluppato da Tonylight come strumento per performance audiovisive. Lumanoise converte la luce in suono servendosi di fotoresistenze e oscillatori: colpendolo con diversi tipi di luce e modulando la loro intensità e frequenza, è possibile generare una esperienza sinestetica il cui luce e suono scorrono all’unisono, ridisegnando lo spazio attorno a noi.

Nell’installazione, il fastidioso lampeggiare di due luci stroboscopiche genera un noise permanente, alterato dalle ombre proiettate dagli spettatori che si muovono al suo interno. Più che un’installazione interattiva, Photo Noise è quindi un corpo vivente, un’entità immateriale che risponde all’ambiente e ai suoi abitanti.

Lasciando cavi, circuiti e macchine a vista, l’installazione rivela l’interesse di Tonylight per le pratiche fai-da-te e la loro estetica “sporca”, e riunisce i due aspetti della ricerca dell’artista: la performance musicale e il light design.
La mostra sarà completata da Rainbow Noise (2012), inedita evoluzione della serie di piccoli schermi di LED assemblati e programmati dall’artista. In questi ultimi esiti, la pulizia minimale e l’ispirazione videoludica dei precedenti schermi a luce bianca vengono superate sempre in direzione del “rumore”, tanto visivo quanto sonoro.

Antonio Cavadini (Tonylight) vive e lavora a Milano. Artista, musicista e appassionato di elettronica, ha creato con Giovanni Membretti il sintetizzatore analogico Leploop, venduto in tutto il mondo. Come artista, ha esposto in diverse collettive in Italia e all’estero, fra cui: Allarmi, Como 2006; Hangar Bicocca, Milano 2006; PAC, Milano 2007; LABoral, Gijon 2009; iMAL, Bruxelles 2010; Neoludica, Biennale di Venezia | Eventi collaterali, Venezia 2011.

Comments

comments

LEAVE A REPLY