I Giovani democratici verso il congresso. Caterina Lombardi in pole. Ma i giochi non sono ancora chiusi

10
Bsnews whatsapp

(a.t.) Alla decisione mancano soltanto nove giorni. Ma i Giovani democratici non hanno ancora individuato il nome di chi dovrà raccogliere il testimone del 27enne Nicola Delbono, da tre anni alla guida del movimento. Il segretario uscente, proveniente dall’area Margherita, ha già fatto sapere di essere intenzionato a lasciare il posto ad altri. A chi? Al momento l’elenco dei papabili comprende almeno tre persone: Chiara Gadaldi, Andrea Curcio e Caterina Lombardi di Ghedi. Quest’ultima sembra essere oggi quella più quotata per prendere il posto di Delbono. Ma i giochi, come riferito in apertura, sono tutt’altro che chiusi.

Tra sabato e domenica i circa 700 Under 30 bresciani del partito saranno chiamati ad eleggere i segretari degli 11 circoli sparsi per la Leonessa (per la città la favorita è l’uscente Giulia Zambolin) e il segretario nazionale del movimento (due i candidati: l’uscente Fausto Raciti e il vicepresidente di Ecosy Brando Benifei). Sulla base delle proporzioni tra le mozioni nazionali, quindi, verranno scelti i 30 delegati all’assemblea provinciale dell’11 marzo. Questi, ancora, eleggeranno la direzione provinciale. Che a sua volta indicherà il nuovo segretario (per presentarsi serve il consenso del 33 per cento dei delegati, provenienti da almeno sei diverse sezioni). Un meccanismo elettorale decisamente macchinoso, come del resto ammettono anche Delbono e i compagni di partito.

Con Caterina Lombardi sembra oggi essere schierata la maggioranza del movimento. A partire dall’ala sinistra, sempre più determinata a proseguire lungo questo percorso. Ma il fronte “lettiano”, pur senza avanzare proposte alternative, non ha ancora dato il suo via libera. Anzi. Il rischio di arrivare alla conta non è ancora da escludere. “Non è obbligatorio che si arrivi a una candidatura unitaria”, spiega Delbono, “ma lavoreremo fino all’ultimo per presentarci uniti al voto. Sono pronto al confronto e non mi voglio impiccare sui nomi. Ma credo”, conclude il segretario uscente, “che prima di lanciare candidature sia opportuno valutare cosa emergerà dal territorio questo week end e quale sarà il quadro della nuova direzione”. Difficile che queste ragioni facciano breccia a sinistra. Ma il tempo della trattativa, tra i Giovani democratici, non è ancora chiuso.

Ecco l’elenco dove delle dati e luoghi dove verranno svolti i congressi Gd:

  • Bassa Centrale: 3/3 Manerbio, sede pd via Magenta 49-h.14,30 – 18,00

  • Val Trompia:3/3 Sarezzo, sede pd via Marconi-h.14,00 – 19,00

  • Bassa Occidentale:4/3 Orzinuovi, centro culturale Aldo Moro via Merole-h.9,00 – 12,00

  • Città: 3/3 Brescia, sede pd via Risorgimento 18-h.14,30

  • Val Sabbia: 3/3 Gavardo, sede pd via Quarena-h.9,00

  • Bassa Orientale:4/3 Ghedi, sede pd -h.17,00 – 19,00

  • Val Camonica:4/3 Cedegolo, Piazza Roma h.14,00 – 18,00

  • Sebino Franciacorta: 3/3 Rovato- h.15,00 – 18,00

  • Ovest: 3/3 Palazzolo sede pd Lungo Oglio Cesare Battisti h.13,00 – 16,00

  • Valverde: 3/3 Rezzato sede pd via IV Novembre 1918- h.15,00 – 20,00

  • Garda: 4/3 Desenzano sede pd via Gramsci 53 – 15,00 – 17,00

     

    COMMENTI BLOCCATI A CAUSA DELLE RIPETUTE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO DEL SITO

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

10 COMMENTI

  1. Hai ragione non ha fatto niente, infatti viene messa li da pagani e bragaglio e il resto del cipec, è una
    Che prima di aprire bocca chiedere il permesso a loro!

  2. io commento. perchè questa discussione è interessante e costruttiva.
    credo di non aver fallito nella mia delega alla formazione: 1 corso di formazione regionale e 1 corso di formazione provinciale interessante e partecipato. se questo è un flop, si assumeranno le responsabilit&agrave ; anche le persone che mi hanno aiutata: Nicola Del Bono, Filippo Ferrari, Pietro Ghetti e Federico Manzoni; ma credo invece che le giornate a Fantecolo siano state molto costruttive e divertenti (ricordiamo il Prof. Formizzi che parlava in Esperanto).
    non voglio perdere tempo a giustificare le vostre parole, ma due cose le dico solo per correttezza: non faccio parte del Cipec, e credo anche che Bragaglio non mi conosca, gli avrò rivolto la parola forse un paio di volte.
    dai ragazzi, ci vediamo ai congressi.
    in bocca al lupo a tutti!

  3. Dovreste tutti portare più rispetto per Caterina! Eventualmente andrà giudicata per il suo operato. Purtroppo o per fortuna, a prescindere da tutte le riserve che personalmente chiunque può avere su di lei, nessuno è esente da vicinanze con persone e aree politiche. Facciamocene una ragione e scendiamo dal fico. Ve lo dice uno che se avesse fatto il "lettiano" non avrebbe mai messo Caterina in segretteria provinciale!

    I congressi sono sempre punti di partenza non di arrivo.

    PS: Del Bono si scrive staccato!

RISPONDI