I sindacati bresciani dicono no alle domeniche di lavoro nei supermercati

0
Bsnews whatsapp

(a.c.) «Shopping 24 ore su 24, 365 giorni all´anno; a chi serve?» Questo l’interrogativo che i sindacati Filcams Cgil e Uiltucs Uil (assente la Fisascat Cisl) si pongono, e provocatoriamente rivolgono ai cittadini.

Nella giornata di ieri gli attivisti dei due sindacati si sono dati appuntamento all’esterno dei supermercati Auchan di Concesio e Roncadelle, aderendo alla chiamata dell’European Sunday Alliance e della Federazione europea dei sindacati per i servizi e la comunicazione. Nel mirino delle associazioni sindacali di categoria c’è la liberalizzazione degli orari di apertura voluta dal Governo di Mario Monti, liberalizzazione prontamente accolta da diverse catene di supermercati tra cui gli Auchan appunto di Concesio e Roncadelle. I manifestanti, muniti di cartelli e volantini che venivano consegnati ai clienti domenicali, ritengono inutile l’apertura 7 giorni su 7 dei centri commerciali. Inutile per i clienti, che avrebbero comunque a disposizione 6 giorni interi, da mattina a sera, per i loro acquisti, e pesantissima da sopportare per i lavoratori che non hanno scelta, non possono rifiutarsi di essere in servizio anche la domenica, a scapito del tempo che potrebbero trascorrere con i figli a casa da scuola per un solo giorno la settimana.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Invece di cogliere questa opportunità per poter aumentare i posti di lavoro, i sindacati dicono di no all’opportunit&agra ve; di poter creare posti di lavoro. Povera italietta. Che fine che ci stanno facendo fare.

  2. Siamo un popolo di cristiani? Sì…diventia mo tutti più religiosi quando si tratta di santificare le feste…a casa. Persino il compagno laico…

  3. Curioso invece che per dare contro ai "comunisti&quot ; quello che fino a ieri chiamavi il "governo di golpisti" oggi fornisca "opportunit&agr ave;" da cogliere…

  4. Se riuscite a fare in modo che quello che scriviamo nella tendina venga riportato correttamente come commento, i nostri commenti si leggeranno correttamente e non con &agr ave; &agr ave; &agr ave; vari.

  5. Vuoi vedere che se le aperture nei festivi fossero condizionate ad un aumento proporzionale ed obbligatorio di assunzioni di personale a tempo indeterminato (questo sì sarebbe favorire l’occupazione), i padrini (ooops, volevo scrivere padroni) della grande distribuzione sarebbero meno entusiasti? Certo, finché possono spremere a piacimento i dipendenti provano ad arraffare tutto l’arraffabile… La povera Italietta, caro Neropece, è tale a causa delle spesse fette di prosciutto che certa gente ha sugli occhi, altro che sindacati!

  6. Esattamente quello che volevo intendere. Le opportunità erano legate alle assunzioni che si sarebbero potute fare con accordi fatti appositamente. Ma la domenica è giornata di riposo…per chi lavora e per i ferventi cristiani. E intanto i pensatori dei sindacati "manifestano&qu ot; contro la disoccupazione.

  7. C’era uno slogan in voga qualche anno fa che auspicava: lavorare meno per lavorare tutti. Di questo passo non lavorerà più nessuno e saremo a casa tutti. Per i cristiani possono stare tranquilli. Le domeniche sono comprese.

  8. Negli ultimi anni non ho mai avuto grande stima per i SINDACATI in generale ….. ma finalmente UNA COSA GIUSTA …. la domenica una bella PASSEGGIATA SOTTO I PORTICI e vedere centinaia di bresciani in giro non nei soliti centri commerciali con puzza di patatine fritte, pizzette di cartone, wurstel di dubbia provenienza ….. e altre schifezze del genere
    MEGLIO UN BEL GIRO SOTTO I PORTICI all’ aria aperta !!!

RISPONDI