Un 2011 di lavoro e risultati per la Polizia Locale di Rovato

0

Tempo di bilanci dell’anno appena trascorso per la Polizia Locale di Rovato, guidata dall’autunno del 2010 dal comandante Andrea Agnini.

Innanzitutto, come primo dato, la continua opera di controllo del territorio e di fornitura dei servizi garantita dal comando di piazza Garibaldi si basa su un organico costituito da 13 agenti e due impiegati amministrativi. Una adeguata gestione e organizzazione dei turni di lavoro e dei servizi permette alla Polizia Locale di Rovato di assicurare una copertura lavorativa di 18 ore per 6 giorni su 7, caso quasi unico per la sua eccellenza sul territorio bresciano, dal momento che solo la Polizia Locale di Brescia e quella dell’Unione dei Comuni della Valtenesi garantiscono un orario di lavoro simile. La copertura lavorativa festiva varia invece dalle 6 alle 12 ore, variabile in funzione di eventi, manifestazioni o altre esigenze particolari.

A disposizione del comando rovatese per garantire la sicurezza e la tranquillità sul territorio e sulle strade rovatesi un’ampia e aggiornata dotazione di strumenti e mezzi: 3 autovetture, 2 motociclette, oltre a un autovelox, un telelaser, un etilometro e 2 precursori per il controllo del tasso di alcool dei guidatori.

Tra le dotazioni, vero vanto è certamente il Gabinetto di Fotosegnalamento. Ricordiamo che la Polizia Locale di Rovato è l’unica polizia locale bresciana (oltre a quella del capoluogo) autorizzata dal Ministero dell’Interno, dal 2008, ad accertare l’identità mediante il rilievo delle impronte digitali dei soggetti fermati nel corso di attività di controllo sul territorio, non in grado di esibire documenti validi da cui desumere l’identità. Questa attività apporta un contributo alla prevenzione del crimine, non solo a Rovato ma anche a livello nazionale.

La elevata capacità nella gestione del personale e l’adeguata e moderna dotazione di attrezzature e strumenti permette al comando di Polizia Locale di Rovato di mettere in atto un’intensa e costante attività di controllo, riassumibile in una serie di dati: 50.000 km percorsi dalle pattuglie, 642 i veicoli controllati, 364 le persone identificate (1005 se compresi anche i controlli stradali), 1 arresto per furto, 42 reati accertati con denuncia a piede libero, oltre 300 le indagini di polizia giudiziaria condotte, 72 le patenti ritirate (anche su delega della Prefettura), 2655 i verbali per violazioni del Codice della strada, 603 gli interventi su chiamata.

Tra i tanti servizi sui quali si basa l’attività degli agenti della Polizia locale rovatese, alcuni vanno ricordati per la loro particolarità e per la loro rilevanza all’interno della vita della comunità. Di particolare importanza l’impegno per garantire la scorta ai funerali: 106 sono stati nel 2011 i cortei funebri che hanno avuto l’assistenza degli uomini della Locale che presta la propria opera in queste occasioni tutte le volte che si richiede la loro presenza per la lunghezza del corteo o per possibili problemi legati alla circolazione veicolare.

Altrettanto importanti i servizi di controllo sulle residenze, così come l’azione di contrasto contro i reati ambientali: in questo caso numerosi sono i controlli che vengono effettuati assieme all’Ufficio tecnico – edilizia privata contro ogni genere di abuso in questo ambito. Da ricordare anche la difficile opera di prevenzione contro l’abbandono di rifiuti che ha portato a erogare sanzioni nei confronti di 7 privati.

Di grande importanza sociale anche l’attività di educazione stradale che viene condotta all’interno degli istituti scolastici rovatesi di ogni ordine e grado, dalle elementari alle superiori. Cinque agenti della Polizia Locale di Rovato, appositamente formati e specializzati, entrano nelle scuole del nostro paese per dare ai nostri ragazzi i primi insegnamenti e consigli relativamente ad un comportamento sulla strada corretto e sicuro.

Proprio nel quadro della sicurezza stradale e contro la guida in stato d’ebbrezza si inserisce la campagna di controlli portata avanti alla fine del 2011: per oltre un mese, di sabato o comunque in giorni prefestivi, dalle ore 21 alle 2 della notte sono stati organizzati posti di controllo con 2 automezzi e 6 agenti. 310 i veicoli controllati, 6 le patenti ritirate per tassi alcoolemici non consentiti. Da rimarcare il fatto che tale servizio non ha mai intaccato il normale ed ordinario orario di lavoro quotidiano, essendosi svolto in straordinario.

Un dato in forte crescita e indicatore della attuale difficile situazione sociale ed economica sono i 24 interventi della Polizia Locale in dimore private per sedare liti domestiche, il tutto sempre in contesti di forte disagio (difficoltà economiche legate a perdita del lavoro, dipendenze da sostanze alcooliche o stupefacenti).

“Rovato è un paese generalmente tranquillo, non esiste alcun fenomeno che debba destare preoccupazioni particolari. Certo l’attenzione e il controllo debbono rimanere sempre alti, in funzione del fatto che per diversi motivi sociali ed economici, oltre che per le raggiunte dimensioni e per la presenza della stazione e dell’autostrada, Rovato rappresenta sicuramente un qualcosa di diverso dall’antica idea di “paese”, offrendo un fedele spaccato della nostra società odierna, con tutti i suoi pregi e tutti i suoi problemi – così afferma il comandante della Polizia Locale Andrea Agnini -. Riguardo al servizio attuato dal comando di Polizia da me guidato, a Rovato viene dedicata grande attenzione, sin dagli anni passati, alle competenze in materia di polizia giudiziaria e l’alto numero di indagini avviate ne è testimonianza. Tale tradizione viene oggi conservata e messa quotidianamente in pratica, vero vanto per il nostro comando. Il tutto sempre con l’obiettivo di aumentare la sicurezza dei cittadini (reale e percepita) e la tranquillità della vita della comunità”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY