Con il Fai Lonato si apre al turismo: 24-25 marzo, due Giornate di primavera

0

XX edizione della “Giornata di primavera 2012” del Fondo ambiente italiano (Fai), domenica 25 marzo: tra Brescia e provincia, 21 siti saranno aperti a ingresso libero, grazie ai volontari. Cuore dell’evento sarà Lonato del Garda, dove si potranno visitare per due giorni, sia sabato 24 che domenica 25, la Casa del Podestà, Villa De Riva Sabelli, la Torre civica e la Sala consiliare con la mostra di otto disegni inediti di Antonio e Giovanni Tagliaferri, protagonisti dell’architettura bresciana tra Otto e Novecento, in collaborazione con la Fondazione Ugo Da Como e il Comune lonatese.

“Antonio e Giovanni Tagliaferri, protagonisti dell’architettura bresciana tra Otto e Novecento”. Nasce a Lonato del Garda il tema della XX Giornata di primavera, domenica 25 marzo 2012, proposta dalla delegazione del Fai, Fondo ambiente italiano. L’amministrazione del Comune di Lonato del Garda, anche in vista dell’appuntamento, ha avviato una importante valorizzazione della propria storia legata al nome e all’opera dei Tagliaferri, per un’offerta turistica sempre più qualificata.

«Questo evento – anticipa il consigliere comunale con delega alla Cultura Valerio Silvestri – fornirà l’occasione per aprire al pubblico il centro storico. Grazie ai volontari e all’impegno della Fondazione Ugo Da Como, nella cittadina gardesana sia il 24 che il 25 marzo saranno aperti a ingresso gratuito per le Giornate Fai di primavera ben quattro luoghi, con la possibilità di godere di un panorama eccezionale».

Saranno Visitabili la Casa del Podestà, Villa De Riva Sabelli (visita al cortiletto secondario), la Torre civica e la Sala consiliare in municipio, che ospiterà per l’occasione una mostra di otto disegni inediti e mai esposti prima, da poco rinvenuti e sottoposti a restauro conservativo. Opere di pregio artistico firmate da Antonio Tagliaferri, che a Lonato progettò alcuni dei principali monumenti pubblici: sei disegni per il coronamento della Torre civica e due per l’ampliamento del Cimitero. Grazie all’interessamento dell’amministrazione lonatese i disegni sono stati restaurati e potranno essere presentati al pubblico, corredati di brevi didascalie esplicative. Il restauro e la più complessiva opera di valorizzazione sono stati finanziati dall’Assessorato al Turismo e alla Cultura della Provincia di Brescia. L’esposizione, come gli altri siti lonatesi, sarà visitabile sabato pomeriggio 24 marzo (ore 14.30-18.30) e domenica 25 marzo (ore 10-12.30 e 14.30-18.30). La delicatezza dei supporti e dei materiali con i quali i disegni furono eseguiti non consente purtroppo di esporli alla luce per troppo tempo, per cui la mostra non sarà prolungata. Città di Lonato del Garda Piazza Martiri della Libertà, 12 – 25017

Tel. 030.91392247 – fax 030.91392240 – www.comune.lonato.bs.it

 

 

 

«L’istituto Paola di Rosa – riferisce il consigliere Valerio Silvestri – ha inoltre aderito al progetto del Fai “Ciceroni in erba”, grazie al quale gli studenti, formati e accreditati al Fai, guideranno i visitatori alla scoperta dei monumenti del centro storico. Questa è un’apertura turistica molto importante per la nostra città, resa possibile grazie alla collaborazione con la Fondazione Ugo Da Como e ai volontari. La Torre civica sarà aperta grazie all’Associazione La Polada, la sala consiliare con gli Amici della Fondazione».

 

Il sindaco lonatese Mario Bocchio dichiara: «L’ipotesi della donazione dell’Archivio Tagliaferri alla Fondazione ha subito interessato e inorgoglito anche l’amministrazione di Lonato del Garda. Infatti l’architetto bresciano Antonio Tagliaferri non solo curò il restauro della Casa dei Podestà veneti, per incarico di Ugo Da Como, ma anche la progettazione del coronamento merlato della Torre civica cinquecentesca, il progetto per l’ampliamento del Cimitero e la costruzione-restauro della Villa De Riva Sabelli. Il Comune di Lonato del Garda ha quindi, da subito, voluto garantire alla Fondazione Ugo Da Como il sostegno a una operazione condivisa, che va ad arricchire le già cospicue raccolte volute dal Senatore. Devo inoltre sottolineare l’impegno che l’Associazione Amici della Fondazione profonde a sostegno dell’attività ordinaria e straordinaria della Fondazione nella Casa del Podestà. Sempre per la valorizzazione dell’opera di Antonio e Giovanni Tagliaferri a Lonato del Garda la nostra amministrazione e in particolare il consigliere delegato alla Cultura Valerio Silvestri si sono interessati e attivati per il recupero conservativo dei disegni firmati dai Tagliaferri, rinvenuti nel nostro Archivio storico comunale, ancora una volta grazie all’impegno della Fondazione e in particolare del conservatore Stefano Lusardi».  

Comments

comments

1 COMMENT

  1. caspita che emozione! potremo visitare nientepopodimeno che il "cortiletto secondario" di villa de Riva Sabelli vien dal mare…si temono casi irrecuperabili di sindrome di Stendhal.
    Quanto al coronamento merlato della torre civica…se avete tempo da perdere beati voi.

LEAVE A REPLY