Cinelli dedica una canzone alla sexybarista. Ascolta “Furore Maggi”

0
Bsnews whatsapp

(e.b) Non si ferma il successo mediatico della sexybarista di Bagnolo Mella. Laura Maggi colpisce ancora, e questa volta si fa persino musa ispiratrice dell’ultima fatica musicale del cantautore bresciano Piergiorgio Cinelli, che gli dedica la “Fiori di Maggio”di Fabio Concato, riscritta sulla sua storia. Per lei il cantante ha addirittura abbandonato il dialetto (a parte l’ultimo inciso) a favore di un più comprensibile italiano per tutti. Del resto il successo della sexy barista non si è fermato ai confini lombardi, ma ha travalicato persino gli stati europei giungendo fino all’oriente. La canzone, che Cinelli ha intitolato “Furore Maggi”, è stata postata dallo stesso cantautore sulla sua pagina Facebook e racconta di una donna “nata dalla parti di Bagnolo” che se si spoglia “pensan che ti si può trombare”. E poi la provocazione quando Cinelli canta “sono arrivate anche delle auto blu in pellegrinaggio da Milano” e continua “la patata tira anche gli autobus”. Niente di nuovo a parte la vocazione a “farti suora, ma che subbuglio la Maggi fa furore”.

 

ECCO IL TESTO INTEGRALE DELLA CANZONE “FURORE MAGGI”

 

Tu che sei nata dalla parti di Bagnolo,

che se ti spogli pensan che ti si può trombare,

pensare che volevi andare suora,

suora di clausura,

ma che subbuglio,

la Maggi fa Furore

 

Si creano ingorghi,

in paese c’è chi protesta,

ma nei calzoni si pompa l’artiglieria,

pensano che quelle due coppe forse non sono tue,

sul davanti anche sul cammello non ricordo più

 

RIT. E ti han visto senza un pelo,

sono arrivate anche delle auto blu da Milano,

la patata tira anche gli autobus

 

Senza vergogna la Maggi ha sempre caldo,

noi con lo sguardo fuoco ad aspettare,

che bel tatuaggio guarda su,

è un gabbiano,

fare i cretini tieni giù la mano

 

RIT. E ti han visto senza un pelo,

sono arrivate anche le auto blu da Milano,

la patata tira anche gli autobus

 

Tu che sei nata dalle parti di Bagnolo,

che se ti spogli pensan che ti si può trombare,

sarà che volevi andare suora,

suora di clausura,

ma che subbuglio,

la Maggi fa furore

 

E’ inutile che andiate sempre fin là,

al massimo all’alba ti può accontetà.

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI