Val Camonica: picchiava e maltrattava bambini di una terza elementare, arrestata maestra 54enne

0
Bsnews whatsapp

Nuovo caso di maltrattamenti in una scuola bresciana. Una maestra di 54 anni è stata arrestata dai carabinieri di Breno con l’accusa di aver maltrattato i piccoli studenti di terza elementare colpendoli con schiaffi, tirando loro le orecchie e i capelli e facendoli oggetto di altri metodi violenti. La storia di maltrattamenti si è verificata in un istituto comprensivo della Valcamonica. Alla donna, sposata, con due figli, erano affidati 22 bambini di età compresa tra gli 8 e i 9 anni. I primi sospestti a metà febbraio quando i carabinieri hanno iniziato a raccogliere lamentele e denunce di alcuni genitori. I militari hanno allora posizionato una telecamera all’interno della scuola ed hanno verificato che effettivamente la maestra era solita usare metodi violenti nei confronti di alcuni bambini. Nella mattinata di ieri si è verificato l’ennesimo episodio di percosse nei confronti di un bambino. La maestra è quindi stata arrestata portata nel carcere di Verziano a Brescia. I particolari dell’operazione saranno resi noti in una conferenza stampa alle 11.30 al Comando provinciale dei carabinieri di Brescia.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Che vergogna! Ma possibile che nell’ambiente queste cose non si sappiano? Possibile che le altre maestre non si siano mai accorte di nulla? E il preside? C’è troppa omertà attorno a questi casi e a farne le spese sono i nostri figli

  2. Altri giornali hanno già reso pubblico le generalità della "..maestra arrestata, A. C. ha 54 anni, è sposata, con due figli, risiede a Breno e insegna da 35 anni (è anche rappresentante sindacale nel consiglio d’istituto per la Cgil)…"

  3. La mia maestra 30 anni fa faceva le stesse identiche cose agli alunni svogliati, disattenti e fannulloni. Chi si impegnava e dava del suo meglio non veniva sfiorato. I nostri genitori sapevano, ma anche loro ci davano schiaffi e tirate di orecchie se non rispettavamo regole ed eravamo disobbedienti; credo di essere cresciuto in una società sana, ove il rispetto verso chi era più grande di te era sacrosanto.
    Povera Italia; 30 anni fa la legge era la stessa, quante maestre si saranno comportate come la mia e quante sono finite in CARCERE!??? Continuano a martellarci di aver paura della multiculturalit&agra ve; quando siamo noi per primi ad aver perso la misura delle cose. Molto diverso il discorso sarebbe se si fosse trattato di abusi ma non mi sembra sia il caso.

  4. ho 53 anni il mio carissimo maestro ogni tanto qualche ceffone ce lo dava e zitti a casa altrimenti le mamme ci davano il resto. Ho un ricordo bellissimo del mio maestro e di quel periodo, sono cresciuto senza traumi e quando adesso osservo il comportamento di certi certi alunni a scuola e in giro, penso che una parte di colpa sia del sistema troppo permissivo e dei genitori sempre pronti a dar ragione ai propri figli.

  5. • Io sono un uomo di 52 anni e conosco molto bene questo problema aimè!I miei 5 anni di elementari sono stati un incubo per i maltrattamenti, le botte che io e molti dei miei compagni di classe abbiamo subito da un maestro abile a simulare di essere un maestro da stimare quando i nostri genitori andavano ai colloqui, ma un vero mostro per come ci trattava! Il dramma era che nessuno di noi ha mai queste notizie.QUESTI MOSTRI VANNO FERMATI !!!! Giovanni -Brescia-riv…elato ai genitori quanto accadeva.Chiss&agrav e; ferse pensavamo tutti che a quel tempo, quella doveva essere la normalità o probabilmente eravamo tutti talmente terrorizzati da eventuali vendette che la consegna del silenzio per noi era la legge.Gli ho augurato la morte peggiore che possa esistere!!! Non l’ho più rivisto, l’ho cercato tanto ma è sparito dalla circolazione.Immagin ate voi ciò che provo quando leggo

  6. ho sentito molti genitori avere una buona opinione della maestra in questione… certo le forze dell’ordine sono intervenute quasi in flagranza di reato tramite le videocamere … certo in passato molti abbiamo preso sonore strigliate ed erano tempi un cui la maestra e la famiglie erano ben più significativi per la formazione, adesso sostituiti da pokemon e grandi fratelli … premesso che se il reato sarà confermato (come per tutti i reati ndr) dovrà essere punito … è necessario che ognuno riprenda i propri ruoli – maestra – famiglie e studenti … fin dall’infanzia viene introdotta la formazione alla cittadinanza e sovente si incontrano pargoli che ne avrebbero quantomai bisogno …. certo puniamo – se confermata – la maestra ma perchè non mandare due mesi alle cave di botticino con piccozza e secchiello le 4 ragazze di vobarno (e rispettivi genitori) che hanno picchiato e mandato all’ospedale la loro coetanea …

RISPONDI