A2A taglia i dividendi, 11 milioni di euro alla Loggia. Ma a bilancio ne mancano altri 22

0

Il Comune di Brescia ha fatto i conti senza l’oste. Ora che A2A ha reso noti i dividendi del 2011 e ha staccato una cedola di 1,3 centesimi ad azione, che per la Loggia equivalgono a 11 milioni di euro, il Comune dovrà fare i conti con un’entrata tre volte inferiore alle aspettative. Nel bilancio 2012, infatti, erano previsti 33 milioni di dividenti, la metà rispetto a quelli “guadagnati” lo scorso anno. Il compito di trovare 22 milioni di euro per riequilibrare la situazione non sarà facile. Ben più previdente il Comune di Milano dove l’assessore al Bilancio aveva inserito zero euro nel previsionale.

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Al riguardo, è forse il caso di ricordare che già molte previsioni (e visioni…) della precedente Amministrazione poggiavano sul flusso di dividendi da A2A. Nulla di più clamorosamente sbagliato a partire dal piano finanziario del Metrobus. Ci volevano e ci vorrebbero dei manager e non dei politici nella stanza dei bottoni, perchè i tempi sono difficilissimi…

  2. Speriamo che Passera ci renda un ulteriore visita a Brescia..,e Bazoli lo inviti per un caffè,forse sono gli unici,allo stato attuale, che possono metter becco…,diversament e il comune si accordi con la Curia,per vendere il Duomo Nuovo (no…quello vecchio è vecchio…).

  3. Bisogna capire che finanziare la spesa corrente non entrate straordinarie non si può più fare. E questo significa tagliare i dipendenti (non si può ancora fare) o tagliare il sociale (l’unica cosa che si può tagliare).

  4. E tagliare gli INCARICHI, le COLLABORAZIONI e i l’erogazione di CONTRIBUTI(tutta spesa corrente, mi risulta) no, vero????? Solo i dipendenti e il sociale possono essere tagliati????

  5. I dipendenti sono statisticamente in sovrannumero nella P.A. Le spese sociali sono largamente inefficienti e si possono fare politiche sociali anche migliori con meno soldi. Cogliamo questa occasione.

  6. La faciloneria non ha fine. Non tutte le collaborazioni, gli incarichi e i contributi sono in parte corrente. Studia!

  7. Mi chiedo se qualcuno, prima di tagliare i servizi sociali, ha messo un ulteriore occhio sui cosiddetti contratti di servizio tra il Comune e le proprie partecipate/controll ate: lì ci sono ampi margini di recupero di denaro pubblico, almeno pari a quanto sottratto ai servizi sociali.

  8. Visto che mi rivolgo a una persona che "ha studiato"…mi riferivo, ovviamente, agli interventi 03 e 05 del titolo I che, notoriamente, fanno "esplodere&quot ; la spesa corrente (e, altrettanto notoriamente, sono in gran parte spese di natura DISCREZIONALE). So bene che esistono incarichi e trasferimenti anche sul titolo II, ma mi pare che la discussione vertesse sulla spesa corrente!

LEAVE A REPLY