Centri commerciali, i capigruppo Pdl contro il sindaco di Roncadelle: “A Orlando la cazzuola d’oro”

0

I Capigruppo del Popolo della Liberta nei Consigli comunali dei comuni di Roncadelle, Castel Mella e Brescia intervengono duramente contro le scelte urbanistiche del Comune di Roncadelle, che “rischiano di penalizzare fortemente la viabilità, le piccole/medie attività commerciali del territorio e la qualità della vita dei cittadini nei comuni limitrofi”.

ECCO IL TESTO DEL COMUNI

Il nuovo progetto proposto per l’area Mella 2000 – Ikea, unitamente all’ipotesi di ampliamento del Centro Commerciale “Le Rondinelle” rappresentano, nel complesso, una delle operazioni edificatorie più imponenti e consistenti non solo a livello provinciale, ma con pochi rivali anche in ambito sopraregionale.

Il solo Comparto B/C oggetto della richiesta di ampliamento dell’area Mella 2000 consiste in 54.000 metri quadrati di superficie lorda di pavimento, equivalenti ad una volumetria di 215.000 metri cubi, a cui vanno aggiunti 85.000 metri quadrati di parcheggi. Il Comparto D (tralasciato nelle analisi dei giorni scorsi), consta di circa 15.000 metri quadrati a destinazione terziaria cui ne vanno aggiungi altri 21.000 di parcheggi.

Grazie a questi ultimi interventi, la superficie complessiva destinata ad attività commerciale supererà in tale sito 100.000 metri quadrati, dato a cui vanno aggiunti 160.000 metri quadrati di parcheggi, 40.000 di dotazioni standard di verde, 48.000 di parcheggi pertinenziali e 52.000 di superficie drenante.

Venendo ai flussi di traffico aggiuntivi stimati a seguito della realizzazione dei nuovi comparti, il nuovo insediamento produrrà il movimento complessivo di circa 4000 veicoli all’ora nei momenti di maggior afflusso, di cui circa il 60% transiterà attraverso la tangenziale, mentre il 40% circa sovraccaricherà la viabilità interna e la strada provinciale 235 (Orceana), che dovrà far fronte a 1500 nuovi veicoli ogni ora, che andrebbero a sommarsi ai 3000 che attualmente vi transitano.

Altro intervento in previsione è l’ampliamento del Centro “Le Rondinelle”, importante struttura da 45.000 metri quadrati di superficie commerciale (di cui 26.000 destinati alla vendita, a cui vanno aggiunti circa 4.000 dell’adiacente Decathlon), che negli intenti, e coerentemente con gli strumenti urbanistici approvati dal Comune di Roncadelle, troverebbe spazio nell’area individuata a nord dell’attuale fabbricato. Ad integrare l’attuale polo commerciale, che occupa complessivamente una superficie di oltre 150.000 metri quadrati, è infatti prevista un’area a pianificazione differita di ulteriori 180.000 metri quadrati, predisposta in sede di approvazione del PGT e rispetto alla quale sono necessari seri chiarimenti da parte dell’Amministrazione Orlando.

Grazie ai succitati interventi, è possibile ipotizzare il passaggio del Comune di Roncadelle dagli attuali 9.000 metri quadrati di superficie di vendita ogni 1.000 abitanti (un primato che va ben oltre i confini regionali), ad un valore prossimo a 15.000. Se consideriamo che Milano si attesta attorno ai 1.500 metri quadrati ogni 1000 abitanti, mentre la media nazionale è di poco superiore a 200, è facile comprendere l’eccezionalità e l’anomalia di tale dato.

Per tale ragione, i capigruppo consiliari dei tre comuni hanno deciso di omaggiare il Sindaco Orlando della “Cazzuola d’Oro”, emblema dell’smania edificatoria del primo cittadino e testimonianza del primato (negativo) raggiunto dal Comune di Roncadelle in materia di urbanizzazione commerciale, con l’auspicio che ne faccia uso anche per sistemare la viabilità del paese.

Marco Rambaldini, Capogruppo Cons. del PDL di Roncadelle: “Gli interventi e le modifiche proposte dalla Giunta Orlando rappresentano l’ennesimo affronto alla vivibilità di Roncadelle, in conseguenza dei quali risulterà ulteriormente compromessa la viabilità interna (in particolare l’asse Via Berlinguer – Via Ghislandi) e quella in uscita dal paese, soprattutto Via Martiri della Libertà. Ci si chiede inoltre come siano conciliabili tali scelte con l’esigenza di ridurre l’inquinamento e le PM10, anche a fronte dell’adesione del Comune di Roncadelle al sistema delle targhe alterne.

Duole constatare come la sinistra roncadellese in materia di ambiente e tutela del territorio manifesti tutta la propria incoerenza, e che le associazioni ambientaliste non abbiano proferito parola in merito ad un simile scempio”;

Daniele Mannatrizio, Capogruppo Cons. del PDL di Castel Mella: “Un simile ampliamento delle superfici commerciali rischia di compromettere irreparabilmente il già delicato equilibrio delle piccole attività economiche dei comuni limitrofi, ed a pagare il prezzo più alto sarebbe senza dubbio la vicina Castel Mella. Inoltre un tale intervento porterebbe sull’asse della Provinciale 235 (ex Orceana) un aumento stimato del 50% di veicoli transitanti, in un tratto già al limite della saturazione. La tanto agognata Tangenzialina di Travagliato-Torbole-Roncadelle, attesa da decenni e non ancora realizzata, rischia in tale maniera di vedere vanificata buona parte della sua utilità prima ancora di essere iniziata. Il tutto, ancora una volta, a danno dei paesi vicini.”;

Andrea Ghezzi, Capogruppo Vicario PDL di Brescia: “Il Comune di Brescia esce da poco dalla discussione riguardo il PGT, ed è anacronistico come il PD bresciano si sia scagliato contro gli interventi proposti dalla Giunta Paroli nel settore commerciale, considerando che a confronto di quanto lo stesso partito propone per la confinante Roncadelle (con territorio e popolazione un ventesimo di quella cittadina) le aree inserite a Brescia sono ben poca cosa”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. in pratica il pdl cittadino critica il pd di altri comuni per quello che loro fanno in città.e il pd cittadino critica il pdl cittadino per quello che il pd fa negli altri comuni.
    non ci si capisce molto…il buon tacere non fu mai scritto…

  2. perchè – seguendo la ratio di questo comunicato – i sindaci di Rezzato, Roncadelle, Castelmella, Castegnato, Bovezzo ecc. non fanno un comunicato contro il traffico di attraversamento da e per la città che i loro paesi subiscono? E’ colpa di Brescia…no????? Come si dice, ognuno guarda a casa sua..

LEAVE A REPLY