Nelle casse degli enti locali bresciani 500 milioni “bloccati” dal Patto di stabilità

0

Secondo le stime di Acb servizi i comuni bresciani hanno a disposizione 350 milioni di euro che non possono spendere perché vincolati dal patto di stabilità. A questi andrebbero poi aggiunti i 150 milioni nelle casse della Provincia. Anche queste risorse che non possono essere spese. “Liberare quei soldi – spiega il presidente di Acb Servizi, Ettore Monaco, sindaco di Dello al Giornale di Brescia – significherebbe dare modo agli enti di pagare i fornitori, rivitalizzando l’economia”. Ecco perché da più parti si chiede di rivedere la logica del patto di stabilità. Per fare un esempio: se la Provincia potesse spendere i soldi che ha in cassa, potrebbe realizzare in autonomia la nuova strada dell’alta Val Sabbia.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Il Patto di stabilità, nato come opportunità per ottimizzare i bilanci degli Enti Locali secondo i canoni della pianificazione finanziaria strategica, si sta rivelando un vincolo difronte alle esigenze di investimento delle realtà pubbliche in tempi di "vacche magre". I parametri vanno urgentemente rivisti definendo lo svincolo parziale delle somme inutilizzate in base a delle priorità di destinazione.

LEAVE A REPLY