Marelli in Europa: “Caccia in deroga, pregiudizi da sgretolare”

0

In merito all’incontro tenutosi a Bruxelles fra i consiglieri della Lega Nord di Lombardia e Veneto e i tecnici della Direzione Generale Ambiente, è intervenuto il Consigliere regionale lombardo e capodelegazione, Alessandro Marelli.

"Esprimo soddisfazione – commenta Marelli – per l’esito del colloquio sull’annosa questione della caccia in deroga e tenutosi a Bruxelles il 23 marzo con la Dottoressa Pia Bucella, tecnico della Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea. Con il sottoscritto erano presenti anche i Consiglieri Pierluigi Toscani e Jari Colla e, assieme ad una delegazione leghista proveniente anche dalla Regione Veneto, abbiamo ribadito con forza le ragioni dei nostri cacciatori. Il giorno precedente si è svolto inoltre un altro incontro a cui hanno partecipato i membri della commissione Agricoltura di Regione Lombardia e dove si sono ottenute significative aperture in merito alla caccia in deroga dello storno, riconosciuto come nocivo, e sull’utilizzo dei richiami vivi di roccoli. Con l’incontro del 23 marzo si è effettuato un ulteriore passo in avanti per un adeguato riconoscimento della caccia in deroga nelle nostre Regioni. Personalmente ritengo sia stato fondamentale guardarsi negli occhi e interloquire di persona con i tecnici europei e credo sia stata una tappa importante per arrivare a sgretolare quei pregiudizi che fino ad oggi – conclude Marelli – hanno viziato a monte l’atteggiamento europeo nei riguardi della caccia alla piccola migratoria".

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Marelli, ma fammi il piacere… Ma quali pregiudizi: la caccia di oggi è già di per sè una pratica vigliacca e indegna, figurarsi quella alla piccola migratoria.

  2. Caro Nico, mi spiegheresti perchè la caccia è vigliacca e indegna? E perchè aborri tanto quella alla piccola migratoria? Grazie.

LEAVE A REPLY