Trasporto pubblico, via libera alla riforma. Brescia avrà la sua agenzia

0
Bsnews whatsapp

"Una riforma innovativa, vantaggiosa per i cittadini, a costo zero per la Regione, e votata all’unanimità da tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale". Così il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha commentato il voto dell’Aula che rende legge la riforma del trasporto pubblico locale lombardo voluta dalla Giunta regionale. Lo ha fatto in una conferenza stampa insieme all’assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo. "La legge – ha spiegato Formigoni – razionalizza la rete del tpl, semplifica la gestione con l’istituzione di 5 Agenzie corrispondenti a 5 Bacini (al posto dei 22 enti precedenti), punta all’efficienza del servizio e riduce i costi". Una stima sugli effetti delle sinergie e delle razionalizzazioni prevede un risparmio fino a 145 milioni di euro, a regime, rispetto a un servizio che attualmente impegna 1.100 milioni di risorse pubbliche all’anno.

 

INTEGRAZIONE, GARE E COSTI STANDARD – L’assessore Cattaneo ha spiegato i compiti delle 5 Agenzie (corrispondenti ai 5 Bacini di: Bergamo; Brescia; Como, Lecco, Sondrio e Varese; Cremona e Mantova; Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia): "Indire le gare, anche unitarie per ferro e gomma, massimizzare l’integrazione del trasporto pubblico su ambiti vasti in modo da rendere l’uso del mezzo pubblico facile per il cittadino, evitando sovrapposizioni e realizzando un coordinamento unitario tra corse urbane e corse interurbane". Altra grande novità, l’abolizione del criterio della spesa storica e l’introduzione dei costi standard e del fabbisogno di mobilità.

 

COINVOLGIMENTO E DIALOGO – Sia Formigoni sia Cattaneo hanno sottolineato il metodo del dialogo e del coinvolgimento. Da Formigoni, "grazie all’assessore, all’aula del Consiglio, alle Commissioni, alle forze politiche per il lavoro di confronto alla ricerca del miglior risultato per i cittadini". Mentre Cattaneo ha sottolineato che "sono stati coinvolti tutti i soggetti, anche le organizzazioni dei consumatori e degli utenti, nella gestione delle Agenzie".

 

UN MILIONE DI PENDOLARI – Come ha voluto sottolineare il presidente Formigoni, negli ultimi 8 anni è cresciuto del 50% il numero degli utenti del trasporto pubblico: dai 430.000 del 2004 ai 670.000 attuali. E per il 2015 è in campo l’obiettivo ambizioso di un ulteriore balzo del 50%, sfondando il tetto del milione di passeggeri al giorno.

 

MOBILITA’ SOSTENIBILE – Altra importante novità è che per la prima volta vengono scritte in legge tutta una serie di misure e di indicazioni orientate ad affermare un modello di mobilità sostenibile, non solo di trasporto pubblico: ad esempio uso della bicicletta e incentivi per veicoli a basso impatto.

 

FINE DEL SOCIALISMO REALE – "Completiamo il passaggio – ha detto Cattaneo – dal socialismo reale del trasporto pubblico a un modello industriale: nelle gare la preferenza sarà per un modello in cui l’aggiudicatario è responsabile a tutti gli effetti di tutti gli aspetti della gestione del servizio e quindi della qualità".

 

BACINI E AGENZIE: LE PRINCIPALI NOVITÀ A COSTO ZERO La nuova legge prevede un sistema dei trasporti più razionale ed efficiente che punti su una migliore qualità dei servizi e sull’integrazione per mettere ordine alla frammentazione delle tariffe e un rinnovato impegno per la mobilità sostenibile. Questi i punti principali di una riforma del trasporto pubblico a costo zero.

 

BACINI – 5 bacini di trasporto ottimali e omogenei di adeguate dimensioni, per superare le attuali divisioni tra servizi urbani ed extraurbani, integrare e razionalizzare i servizi, ottimizzare reti e orari. I 5 Bacini corrispondono ai confini amministrativi delle province di: 1) Bergamo 2) Brescia 3) Como, Lecco, Sondrio e Varese 4) Cremona e Mantova 5) Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia

 

AGENZIE PER IL TPL – Per ciascun bacino, verrà istituita in ogni Bacino un’Agenzia per il trasporto pubblico locale, per programmare, organizzare, monitorare, controllare e promuovere i servizi di TPL in modo integrato all’interno del singolo bacino. Queste nuove realtà non peseranno in alcun modo sui bilanci delle amministrazioni pubbliche e consentiranno una programmazione più coerente ed efficace dei servizi di trasporto. Questo attraverso 3 strumenti di programmazione: 1) Il programma regionale della mobilità e dei trasporti; 2) Il programma dei servizi ferroviari; 3) I programmi di bacino del TPL; cui si aggiunge la previsione di un programma degli interventi regionali sul demanio delle acque interne. – Un diverso riparto delle risorse: in un contesto di risorse sempre più scarse, verrà superato il criterio della spesa storica privilegiando una ripartizione secondo costi standard, fabbisogni di mobilità e criteri di premialità. – Le Conferenze del TPL: organi consultivi permanenti a livello regionale e locale, per favorire l’integrazione fra le istanze istituzionali, economiche e sociali e il confronto tra le realtà rappresentative degli Enti pubblici, degli operatori, dei sindacati, dei pendolari, dei comitati e degli utenti. – Più informazione all’utenza: secondo standard uniformi sui servizi di trasporto, anche in relazione alle politiche regionali nel settore della mobilità e delle infrastrutture. – Una rinnovata attenzione per la mobilità sostenibile e per la mobilità dolce: per l’attuazione di misure e interventi per la riduzione dei livelli di congestione, di emissioni in atmosfera, dei consumi energetici – e per la realizzazione di stazioni e centri di interscambio, per favorire l’integrazione e l’interscambio tra i diversi modi di trasporto, su ferro e su gomma, e incentivare l’uso della bici. – Un sistema tariffario unico regionale: per superare la frammentazione dei sistemi tariffari attuali e la sperequazione dei livelli tariffari a danno degli utenti.

 

INTEGRAZIONE TARIFFARIA – Una delle finalità principali della legge di riforma è l’ottimizzazione del sistema tariffario, in particolare attraverso la progressiva attuazione dell’integrazione tariffaria regionale. A ciò si aggiunge l’impegno costante per migliorare la qualità del servizio in termini di regolarità, affidabilità, comfort, puntualità e accessibilità; sviluppare un sistema di trasporto pubblico maggiormente rispondente alle esigenze di mobilità delle persone e di sostenibilità ambientale; favorire i centri di interscambio e l’integrazione modale e il trasferimento dal mezzo privato al mezzo pubblico; semplificare il sistema e migliorare gli strumenti di governo; assicurare le risorse necessarie per garantire l’efficacia, l’efficienza e l’economicità dell’intero sistema.

 

I BENEFICI – Regione Lombardia grazie alla radicale riorganizzazione del servizio di trasporto pubblico intende aumentare la quota di mercato del TPL con l’obiettivo di raggiungere nel trasporto ferroviario, a partire da 430.000 del 2004 all’avvio delle linee S, agli attuali 670.000 passeggeri/giorno, ad 1 milione di passeggeri entro il 2015. Entro il 2015 la realizzazione di questo obiettivo consentirà di ridurre le code di auto di 13.000 km, dando ai cittadini più spazio per una vita migliore. La stima dei benefici economici derivanti dall’attuazione della riforma è di circa 145 milioni di euro e si riferiscono alla razionalizzazione della rete, all’efficientamento dei costi, grazie all’integrazione dei servizi e degli operatori, all’attuazione dell’integrazione tariffa. Benefici collaterali sono l’ottimizzazione dei processi di governo, investimenti aggiuntivi e l’aumento della qualità del servizio.

 

I PRECEDENTI – Un percorso avviato al termine del 2007 con l’obiettivo di migliorare qualità, efficienza ed efficacia del servizio di trasporto pubblico, di creare un sistema di mobilità integrato, di migliorare la Governance del sistema, per programmare e realizzare un’offerta di mobilità sempre più rispondente alle esigenze dei cittadini pur in un contesto di graduale riduzione delle risorse pubbliche disponibili. A fronte dell’analisi delle esperienze più avanzate presenti in Europa, con il "Patto per il TPL lombardo" del 11 novembre 2008 sono state definite, con tutti gli attori interessati, le linee guida evolutive delle politiche del TPL lombardo, base di riferimento costante nella elaborazione della nuova legge.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI