Sabato, a Sirmione, va in scena il triathlon olimpico

0
Bsnews whatsapp

Prosegue la marcia di avvicinamento dei sei “aspiranti” triathleti in vista dell’esordio al Garmin TriO Sirmione. Dallo scorso mese di dicembre, infatti, il piccolo gruppo di rookie della triplice disciplina sta lavorando duramente per presentarsi ben preparato al via del triathlon olimpico in programma nel comune del Lago di Garda il prossimo sabato 30 giugno.

Sei aspiranti triatleti, selezionati e testati dall’equipe dell’Università di Scienze Motorie di Verona: 3 uomini e 3 donne che hanno accettato la sfida di prepararsi in sei mesi per sperimentare nuove metodologie di allenamento sotto la guida di trainer e professionisti esperti. Nessuno di loro ha un passato di atleta, anzi, la loro sedentarietà è stato l’elemento caratterizzante la selezione. E così Francesca Arnier, Diana Bazan, Maria Luisa Enciso, Andrea Gasparini, Andrea Reggiani e Alberto Signorini sono diventati i protagonisti del progetto TriO Challenge (nelle foto a fianco durante una pedalata a febbraio).

Tra i partner dell’iniziativa c’è BRIKO, il brand di articoli per ciclismo, che ha fornito al team dei Challenger il casco Mustang in abbinata con gli occhiali Endure Pro Duo, prodotti studiati specificamente per chi interpreta la bicicletta come massima performance.«Abbiamo accettato di sostenere il progetto TriO Challenge perché condividiamo lo spirito dell’iniziativa – ha commentato Carlo Boroli, presidente di Briko – raccogliere una sfida così importante come un triathlon, è qualcosa che ci accomuna nel nostro lavoro quotidiano».

Il prossimo passo nella preparazione dei sei challenger è il collegiale in programma nel weekend a Sirmione. Qui, con tutti i preparatori atletici, il mental trainer, l’alimentarista e lo staff universitario i futuri triatleti affronteranno una due giorni fittissima, in preparazione della gara del 30 giugno prossimo. Sabato mattina è prevista la mappatura del percorso bike insieme ai tecnici Garmin con l’ausilio delle innovative tecnologie GPS che Garmin ha messo a disposizione della manifestazione e dei challenger come strumento di monitoraggio della propria preparazione. Il pomeriggio sarà dedicato ad incontri teorici e tavole rotonde, precedenti all’allenamento di nuoto, presso la piscina di San Benedetto di Lugana. La domenica sarà la volta della prova running, con la mappatura GPS del tracciato della frazione di corsa della gara. Saranno presenti alla due giorni gardesana anche giornalisti della redazione di Runner’s World e le telecamere di Sky Sport per la trasmissione Icarus, per dare testimonianza delle attività.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI