Martedì Lucilla Giagnoni porta a Corte Franca il suo “Big bang”

0

Dopo aver presentato a Breno Vergine Madre, Lucilla Giagnoni martedì 3 porta all’Auditorium “1861 Unità d’Italia” di Corte Franca con Big Bang, un’indagine sugli Inizi e sulla Creazione, facendo dialogare il linguaggio della scienza con quello della teologia e  quello del teatro.

Il pubblico si troverà di fronte all’eterna domanda dell’individuo di fronte all’infinità, al mistero dell’universo, fino al momento dell’inizio: perché nella scoperta di come tutto potrebbe essere iniziato si potrebbero trovare indizi su come eventualmente finirà. Chi si pone queste domande è una donna, una madre. Le risposte sono quelle della nostra tradizione biblica, in particolare i brani della Genesi sulla creazione; quelle della poesia e del teatro seguendo la visionarietà di Dante e la concretezza delle passioni in Shakespeare; infine quelle della scienza attraverso la figura di Einstein.

Il percorso teatrale intreccia questi tre linguaggi, le loro risposte, si accosta il paradosso del gatto vivo – gatto morto (meccanica quantistica) all’essere o non essere di Amleto; il tema del tempo viene esemplificato dall’ansiosa attesa di Giulietta; la materia oscura è anche nelle parole di Lady Macbeth e la luce è sostanza dell’ultima parte del Canto Trentatre del Paradiso.

INFO UTILI

Lo spettacolo inizia alle ore 20.45 ed è a ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili

info festival Valle Camonica 0364.538995

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome