Polli e galline, nella Leonessa a rischio chiusura un allevamento su cinque

0

Un allevamento su cinque potrebbe chiudere i battenti. E’ questo il rischio per la Leonessa della nuova normativa europea sul benessere animale, che impone – tra l’altro – l’allargamento delle gabbie in cui vengono cresciuti polli e galline. Nel Bresciano qualcuno ha deciso di chiudere prima che le autorità venissero a chiedergli conto dei mancati adeguamenti. Ma molti altri dovranno presto affrontare il problema. Dagli ultimi controlli Asl solo 7 allevamenti sono risultati già in regola. Alcuni, va detto, hanno aderito all’accordo che li invita a mettersi in regola in 3 anni, ma nel frattempo le galline in esubero rispetto allo spazio vanno macellate. La stima è che nel Bresciano sparirà una gallina sul tre. Un colpo durissimo per la Leonessa (i prezzi, oltretutto, sono già passati da 0.90 centesimi al chilo a 0,30), che in questo campo rappresenta il 10 per cento della produzione italiana.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome