Fingono di aiutarlo ma in realtà vogliono rapinarlo. Arrestati due giovani marocchini

0

Si inserisce nell’attività di prevenzione e contrasto, l’attività di controllo ampliata dal Commissariato Carmine in zona stazione, che ha portato all’arresto di due cittadini nord africani per furto e rapina in concorso.

L’episodio accaduto ieri intorno alle ore 20.00 in Via Solferino, quando due cittadini del Marocco chiedevano l’intervento della volante a seguito di una rapina avvenuta poco prima.

Durante l’esposizione della dinamica dei fatti, dichiaravano di essere stati avvicinati  da due cittadini nord africani (Egiziani), i  quali, vedendoli in difficoltà nell’accompagnare un loro amico nel suo alloggio presso l’Albergo Solferino, in quanto ubriaco,   si offrivano di  aiutarli.

All’interno dell’albergo, approfittando di un momento di confusione, la persona successivamente generalizzata per  B.  M. approfittava per frugare nelle tasche del cittadino soccorso.

Mentre i denuncianti ed il portiere  si apprestavano ad aprire la stanza, gli stessi notavano i due magrebini  fuggire, inseguiti dal T.D. che, nel tentativo di fermarli,  scivolava lungo la rampa delle scale.

A seguito di ciò i soccorritori inseguivano a loro volta  i due nord africani, raggiungendoli all’esterno dell’albergo.

Ne nasceva una colluttazione, a seguito della quale uno dei due denuncianti, dopo essere stato minacciato dal B.M. con un oggetto  non meglio definito, veniva derubato del contante poco prima preso in consegna dal  cittadino soccorso.

Successivamente anche l’altro soccorritore dopo essere stato percosso da entrambi gli arrestati, veniva rapinato del denaro contante.

 Le ricerche effettuate in zona, attivate immediatamente dopo il verificarsi del fatto delittuoso e protrattesi ininterrottamente, permettevano di individuare i cittadini extracomunitari segnalati,  i quali, sottoposti a perquisizione personale, venivano trovati in possesso della somma di denaro asportata,  che veniva debitamente sequestrata.

I presunti autori dei fatti venivano successivamente riconosciuti senza alcun dubbio dai due cittadini marocchini e dal portiere dell’albergo e, accompagnati presso gli Uffici della Questura,  venivano tratti in arresto, previa sottoposizione a rilievi fotodattiloscopici.

Da notizie apprese nella mattinata odierna dal reparto di chirurgia Maxillo Facciale dell’Ospedale Civile, presso il quale il signor T. D. è ancora attualmente ricoverato a seguito della patita caduta dalle scale, lo stesso non era ancora  totalmente cosciente, e si presentava al personale sanitario piuttosto disorientato.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ma no?Dai che notizia strana…chi sono i poverini? Chi i colpevoli? Chi gli innocenti? A chi daremo la cittadinanza automaticamente? Forse è meglio pensarci bene e cominciare a fare qualcosa subito: non per filantropia..ma così, tanto per non fare la fine di Madrid, Londra, Tolosa, ecc

  2. E quando si comincia, visto che chi parla tanto ha governato per anni senza combinare un tubo? Chi vuoi che cominci, se abbiamo la legge sull’immigrazione vigente che si chiama Bossi-Fini?

  3. mister si…..ci risiamo con la tua politica da bar dello sport….parli sempre di chi ha governato per anni senza combinare un tubo…..si perchè prima invece avete fatto molto !
    ma se vorreste il voto per gli immigrati pur di rimpinguare le vostre fila ormai allo sbando…….

  4. Per cominciare, io non voto da vent’anni. Quindi, vedi un po’ tu. Seconda cosa: hai ragione che i buonisti non abbiano fatto niente. Per quello in molti hanno votato i cattivisti, che dicevano che i buonisti non facevano niente e promettevano di mettere a posto le cose loro. Non l’hanno fatto, pur avendone gli strumenti (perchè hanno governato). Allo sbando ci siamo: chiedevo con chi si dovrebbe "incominciare&q uot; a fare qualcosa. Posso chiederlo o ti devo chiedre il permesso? Bar sport dei miei…

LEAVE A REPLY