A rischio 500 lavoratori (soprattutto donne) dei servizi appaltati dalla Loggia

0

(a.c.) Tecnicamente non si tratta di licenziamento: semplicemente potrebbero non essere rinnovati, o ridotti di molto, appalti che vanno in scadenza. Ieri in Largo Formentone è andata in scena la protesta di decine di donne impegnate come lavoratrici in cooperative, sociali o meno, vincitrici di appalti della Loggia. Lo sciopero aveva come obiettivo quello di sensibilizzare contro il rischio (quantomai concreto) del taglio di circa 500 lavoratori e lavoratrici impiegate in servizi appaltati dal Comune di Brescia.

Ausiliarie (una novantina), assistenti ad personam negli asili e a scuola (circa 160), assistenti per gli anziani (altre 150), oltre a professionisti autonomi con partita iva e assistenti sociali. In totale fanno circa 500 persone che a breve potrebbero rimanere senza impiego, colpite indirettamente dai tagli della Loggia per far quadrare i conti del bilancio. Cosa chiedono queste persone e i sindacati a cui fanno riferimento? Che il comune preservi le voce di spesa relative al sociale, soprattutto in periodi di difficoltà come quello che stiamo vivendo, e che sia rimodulata la scala di priorità negli investimenti, anche quelli in conto capitale. Il mirino è puntato, anche qui, sulle spese per il parcheggio sotto il castello.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome