Discarica Macogna, Italia Nostra dice no: “Facciamo il parco della Franciacorta”

0
Bsnews whatsapp

La Sezione di Brescia di Italia Nostra ha appreso oggi dai quotidiani locali che la Regione Lombardia

ha espresso giudizio positivo alla discarica di unmilione-trecentomila metri cubi di rifiuti in località

Macogna nel territorio tra Franciacorta e Bassa bresciana, nei Comuni di CAZZAGO, BERLINGO,

TRAVAGLIATO, ROVATO.

L’Associazione che da decenni si dedica alla difesa del territorio bresciano, sta organizzando da alcuni

mesi numerose attività per sostanziare la proposta dell’istituzione di un parco locale di interesse

sovra-comunale (PLIS) della Franciacorta, a difesa del paesaggio agrario, contro ulteriore

cementificazione, infrastrutturazione e sfruttamento dei terreni agricoli per cave e discariche.

Il pericolo di nuove discariche era nell’aria, quando Italia Nostra ha organizzato lo scorso ottobre a

San Pietro in Lamosa l’Incontro- Dibattito “Paesaggi agrari e sviluppo sostenibile: quale futuro per la

Franciacorta?”. L’Associazione infatti, in quella sede, aveva denunciato il rischio che nuove discariche

invadessero il già martoriato territorio ed esortato i 18 Comuni della Franciacorta ad opporsi a

questo sconsiderato sfruttamento, istituendo un parco agrario sovra comunale, di un’estensione tale

da ambire al riconoscimento di PARCO di interesse REGIONALE.

La necessità di discariche (A2A ne sta chiedendo un’altra a Bosco Stella, nell’enclave fra i Comuni di

Castegnato e Paderno Franciacorta) è la conseguenza dell’incapacità dei manager che gestiscono i

rifiuti, di riciclarli proficuamente come invece avviene in Paesi più avanzati in questo settore.

Auspichiamo che la scelta dei manager del “rifiuto” (quello di A2A è in scadenza … e guadagna quasi

il triplo del Capo del Governo italiano) e l’assegnazione della loro “missione” non sia l’esclusivo

ritorno economico per l’azienda, ma soprattutto il rispetto dell’ambiente.

E’ scandaloso che la Regione Lombardia abbia approvato un’ennesima ABNORME discarica

proprio nel territorio dei Comuni di CAZZAGO, BERLINGO, TRAVAGLIATO, ROVATO che fin

dal 2010 si sono impegnati ad istituire il Parco (PLIS) della MACOGNA, il cui riconoscimento però,

langue “inspiegabilmente” DA DUE ANNI sui tavoli della Provincia di Brescia!

Ed è la stessa Provincia di Brescia che OGGI ha il potere di decidere del futuro di queste aree e di

quelle circostanti abitate, autorizzando o meno la discarica MACOGNA, definita di rifiuti

“derubricati inerti” (leggi: rifiuti inerti speciali…) alla cui realizzazione ha dato parere contrario anche

la ASL di Brescia.

Perciò sosteniamo il “NO”dei Sindaci alla discarica nel PARCO della MACOGNA e per sventare

questo scempio, ci APPELLIAMO alla Provincia di Brescia perché rispetti quelle volontà delle

Comunità locali che sono indirizzate al BENE COMUNE.

Chiediamo aiuto alle Associazioni, alle forze sociali e a tutte le persone che credono che il

miglioramento della qualità della vita non sia un sogno, ma un diritto: l’espressione concreta del

BUONGOVERNO.

Italia Nostra onlus – Sezione di Brescia

PS: il Seminario dedicato al “Paesaggio agrario“ organizzato da Italia Nostra a Cazzago il 19 maggio

prossimo, nell’ambito dell’Evento “Franciacorta in fiore” sarà occasione di riflessione sull’argomento

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI