Al Freccia Rossa, “Ridiamoci su”, quattro appuntamenti con il cabaret

0
Bsnews whatsapp

A partire da questa domenica 15 aprile, fino a domenica 6 maggio, ogni domenica, dalle ore 17:00, il centro commerciale Freccia Rossa regalerà a tutti i suoi visitatori tantissime occasioni di divertimento per tutta la famiglia.

Quattro appuntamenti, completamente gratuiti, porteranno a Brescia alcuni tra i più amati rappresentanti della comicità televisiva italiana: si partirà con Angelo Pintus (15 aprile), comico lanciato dal programma televisivo Colorado Cafè; passando per il duo cabarettistico Gigi e Ross (22 aprile), che con le loro simpatiche parodie degli Zero Assoluto, di Tiziano Ferro e delle Iene sono diventati un appuntamento imperdibile nel programma televisivo Colorado Cafè. Sarà poi la volta del quartetto de I Turbolenti (29 aprile), che con le loro performance di mimo, clownerie e improvvisazione teatrale lasceranno a bocca aperta tutti i presenti.

 

Maggio chiuderà la sessione di cabaret italiano con un grande comico del programma televisivo Zelig: Paolo Migone, che, grazie alla sua inimitabile mordacità toscana, regalerà a tutti i visitatori dei momenti di pura ilarità.

 

 

E non finisce qui…per rendere ancora più divertenti le domeniche di cabaret, l’area ristorazione, Italmark e molti punti vendita del centro commerciale regaleranno a tutti i visitatori tantissime promozioni speciali per trascorrere delle ore di relax e di shopping insieme a tutta la famiglia! 

 

Stefano Pessina, Direttore del Centro Commerciale Freccia Rossa, ha commentato: “E’ con immenso piacere che il centro commerciale propone alla città di Brescia e al suo territorio una nuova ed entusiasmante rassegna di eventi gratuiti. Quattro domeniche di cabaret e performance live che coinvolgeranno tutta la famiglia e che renderanno lo shopping un vero e proprio piacere!”

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Bello il titolo in dialetto bresciano italianizzato. Ma forse, pensando complessivamnete all’operazione Freccia Rossa e a Brescia, forse era meglio: "Piangiamoci sopra"…

RISPONDI