Bresciani tra cibi ipercalorici e tour de force in palestra

0
Bsnews whatsapp

di Lucia Marchesi – Parliamo di cibo. Passata la Quaresima, ci siamo goduti la meritata scorpacciata pasquale e adesso tv e giornali ci informano gentilmente che è ora di rimetterci a stecchetto per la famigerata prova costume.

Anche se, visto il clima degli ultimi giorni, la suddetta prova sembra più lontana che mai. Colpa, a quanto pare, del ciclone mediterraneo Lucy, o Lucia, che prima o poi qualcuno dovrà spiegarmi perché sia stato chiamato così.

Comunque, dicevamo, popolo di buongustai quello bresciano, favorito da questo punto di vista da una provincia estremamente variegata che, dalla montagna, ai laghi, alla pianura, offre una grande varietà di pietanze, una più gustosa dell’altra.

Magari non rinomata come altre cucine italiane, quella bresciana non ha nulla da invidiare a piatti famosi in tutto il mondo. Perché, perdonate il patriottismo gastronomico, per me non esiste dolce più buono della spongada camuna. E non esiste primo piatto più straordinario dei casoncelli alla bresciana, o pesce più gustoso della tinca al forno, ovviamente accompagnata da una buona dose di polenta, se no come fai a “puciare”? Il tutto innaffiato da uno dei nostri vini che, guarda un po’, sono ormai ufficialmente tra i migliori del mondo.

Caratteristica comune di tutte queste prelibatezze? Il discreto apporto calorico. Purtroppo la nostra cucina tradizionale non è esattamente quella che ti consigliano nelle diete dimagranti.

Come combattere il senso di colpa derivante dall’aver ingurgitato la quantità di calorie sufficiente per attraversare a nuoto il mare Adriatico? Ovviamente, sfiancandoci in palestra.

Negli ultimi anni la nostra città si è arricchita di nuove strutture sportive, alcune così grandi e bene attrezzate da poter offrire una preparazione completa a una squadra olimpica. E sono tutte molto frequentate. Anche da me. Iscritta in un raptus di follia, appartengo a quella categoria di pigri che iniziano pieni di entusiasmo e dopo un mese trovano tutte le scuse possibili per saltare l’allenamento.

Posso dire a mia discolpa che noi che apparteniamo alla sopra citata categoria, che abbiamo la preparazione atletica di un carciofino sott’olio, ci sentiamo parecchio a disagio in queste palestre dove molti altri ce la mettono veramente tutta.

Entri in sala, strapiena dopo il lavoro, cerchi di evitare il pugile che molla fendenti all’aria, che evidentemente non si rende conto di essere un potenziale pericolo per l’incolumità di chi passa da un attrezzo all’altro, e trovi venti o trenta tapis roulant su cui altrettanti atleti corrono come forsennati, con lo sguardo perso nel vuoto. Ci sono altre sale con musica a tutto volume in cui si tengono corsi di step, per i quali forse sono espressamente richiesti completini all’ultimo grido. E vogliamo parlare dei corsi di acquagym? Com’è possibile che l’istruttore, che guida le allieve dal bordo della piscina, e quindi all’asciutto, non sembri fare nessuna fatica, mentre chi esegue gli esercizi in acqua sembra fare una fatica sovrumana?

Affaticata solo dall’aver assistito allo sforzo altrui, me ne torno negli spogliatoi. Devo riconoscere un merito alle mie concittadine: non si esce dalla palestra se non si è veramente impeccabili, non importa se sono le nove di sera passate; doccia, crema corpo, messa in piega e trucco richiedono più tempo dell’effettivo allenamento, ma sono passaggi indispensabili.

Borsone sulla spalla, ci avviamo tutte verso casa, ovviamente in auto, abbiamo già fatto troppo movimento per oggi. Chissà se anche loro, come me, appena la porta automatica della palestra si chiude alle nostre spalle, pensano «Adesso, mangerei volentieri una spongada».

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Interessante l’acenno alla cucina bresciana che, nel senso di tradizione culinaria, non esiste proprio. I piatti più famosi, solo per i bresciani naturalmente, prvengono esclusivamente dalla cucina contadina, ma sono assai banali, carenti di struttura, di fantasia, di ingredienti, di sapori, di materie prime, di presentazioni degne di memoria. Tra i piatti più rinomati il manzo all’olio, che nel finale di preparazione, per rapprendere la base, prevede pangrattato, formaggio grana e prezzemolo più un paio di acciughe. Piace tantissimo, ai bresciani naturalmente.

  2. Non sono assolutamente d’accordo. Il fatto che non sia famosa non significa che sia inesistente. Anzi, è molto varia, varietà che dipende dalla grande estensione della nostra Provincia, che ha dato origine a piatti tipici molto diversi tra loro. Il manzo all’olio da te citato ad esempio è solo di Rovato. La Spongada è solo Camuna, a Brescia città io non l’ho mai trovata, mio malgrado. Sono una instancabile divoratrice di spongada. A casa ho dei ricettari di sola cucina bresciana, significa che qualcuno si è preso la briga di stamparli. La nostra E’ una tradizione contadina, ecco perchè è composta principalmente da piatti poveri senza grandi presentazioni. Credo che i turisti che capitano in città la apprezzino. Spesso li vedo ai tavolini dei ristoranti del centro mangiare con gusto grandi piatti di casoncelli. Quindi non piacciono solo ai bresciani e comunque, se anche fosse, non trovo mai molto carino sputare sulle proprie tradizioni.

RISPONDI