Toscolano Maderno: trovata una copia del progetto per Borgo+39 nella cartelletta di Francesco Belsito

4

(a.c.) Cosa ci faceva una copia della convenzione tra Comune e Sailing Srl, per il progetto per Borgo +39, nella cartelletta "The Family" sequestrata all’ex tesoriere della Lega Nord Francesco Belsito? Bella domanda, alla quale per ora né gli investigatori né il sindaco di Toscolano Maderno, Roberto Righettini, sanno trovare una risposta.

Il progetto di riconversione del vecchio Cantiere del Garda (appartamenti, un albergo di lusso, esercizi commerciali), ricordiamolo, è stato bocciato a giugno dello scorso anno dal Tar, ed ora è in attesa del parere del Consiglio di Stato. A suo tempo la popolazione protesto parecchio contro il piano, chiedendo addirittura un referendum popolare, mai realizzato.

Il sindaco di Toscolano, sentito da Bresciaoggi che pubblica una sua dichiarazione sull’edizione odierna del giornale, non riesce a capire cosa ci facesse il progetto nelle mani di Belsito: «Non riesco a capire come il documento possa essere finito nella cassaforte di Belsito, e per quale motivo. A suo tempo la convenzione è stata pubblicata sul sito del comune e, di conseguenza, chiunque avrebbe potuto scaricarla via internet. Non c´era proprio nulla di segreto. Se poi qualcuno pensa maliziosamente che io abbia favorito l’operazione, smentisco nel modo più categorico. Rispetto alle volumetrie iniziali, le ho drasticamente ridotte. E la settimana scorsa, in sede di approvazione del Piano di governo del territorio, abbiamo tolto altri 10 mila metri cubi. Tanto per chiarire».

 

Comments

comments

4 COMMENTS

  1. A suo tempo la convenzione è stata pubblicata sul sito del comune e, di conseguenza, chiunque avrebbe potuto scaricarla via internet. Non c´era proprio nulla di segreto.

  2. Condivido.Ormai i giornalisti(dal piu importante al meno) giocano a fare i fenomeni contro la lega(8% alle ultime politiche).La maggioranza enorme che sostiene questo governo di farabutti viene lasciata bella tranquilla mentre ci affama…

  3. Suvvìa, la cementificazione del retroterra del Lago di Garda, da Sirmione a Limone, è il più grosso business in zona nella storia ultracentenaria. Con risultati che sono evidenti: consumo selvaggio del territorio, irreversibile danno paesaggistico, prevalenza di seconde e terze case vuote o invendute, rischi idrogeologici evidenti, azzeramento di florida agricoltura. Non c’è colore politico o amministrazione che possa dirsi immune dal virus della devastazione. Dunque, nessuno stupore, ma una semplice, dolorosa presa d’atto.

LEAVE A REPLY