Offlaga, indiano 29enne e la zia arrestati per spaccio

20

Carabinieri della Stazione di Manerbio, ieri 21 aprile, hanno tratto in arresto per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti S.V. 29enne indiano, già noto alle Forze di Polizia, e la zia connazionale 47enne K.L., entrambi residente in Offlaga. I militari hanno seguito e pedinato l’uomo bloccandolo dopo averlo visto confabulare con un altro giovane per poi cedergli un involucro in stagnola contenente mezzo grammo di eroina. Portatisi presso l’abitazione nel corso della perquisizione hanno sequestrato ulteriori 56 grammi di eroina e la somma contante di 3200 euro provento dello spaccio. Nel corso delle operazioni la donna, consapevole di quanto stava accadendo ha tentato di disfarsi di una scatoletta porta pillole contenente 2 grammi di eroina gettandola nel water senza però riuscirvi per il pronto intervento dei militari. I due ora si trovano: l’uomo presso la Casa Circondariale di Brescia e la donna agli arresti domiciliari

Comments

comments

20 COMMENTS

  1. portarli al loro consolato con obligo di rimpatrio a spese loro!!!!subitooo senza perdere tempo in processi innutili e costosi alla collettività! !! ghet capit?

  2. attenzione alle coccole ed ai coccolatori…..ma magari gli viene un coccolone dopo che i coccolati gli combineranno qualcosa in casa…

  3. …la mattina presto quando vado a pescare, alle 5 mi fermo in panetteria e compro 3 -4 rosette belle calde e fumanti…la mortadella ce l’ho già, mi sparo subito il primo panino bello caldo…aaaaaaaaaaaa aaaahhhhhhh che delizia…pane caldo e mortadella … e mentre me lo magno penso….
    heee siii, dio c’è….

  4. ma perché non commentate la notizia di quel maiale che ha violentato una donna rumena? é uno come voi il criminale padano? ve la prendete solo con i delinquenti stranieri?

  5. eE sì caro coccolaimmigrati il 63enne è un nostro concittadino (per ora è in carcere) e quindi ce lo teniamo…i tuoi amichetti sono ospiti e pertanto si devono comportare meglio…altrimenti andersen!Che poi non si tratta altro che di applicare la reciprocità.

  6. eE sì caro coccolaimmigrati il 63enne è un nostro concittadino (per ora è in carcere) e quindi ce lo teniamo…i tuoi amichetti sono ospiti e pertanto si devono comportare meglio…altrimenti andersen!Che poi non si tratta altro che di applicare la reciprocità.

  7. Lascia stare,non gli entra in testa che in tutti i paesi gli autoctoni commettono reati,è fisiologico.Quello che non è normale è l’invasione di criminali che stiamo subendo perdipiù nel pieno di una crisi gravissima.

  8. tutti devono "comportarsi bene". e la grande parte degli italiani e degli immigrati sono persone oneste. non ho proprio nulla contro l’idea che chi non si comporta bene vada a scontare la pena nel paese d’origine. anzi. ma perché non l’avete fatto mentre siete stati al governo negli ultimi 20 anni? ciciuarú !

  9. A parte scrivere banalità buoniste e concludere i tuoi messaggi con "ciciaru!" sai fare altro?Peraltro se al governo ci fossimo stati realmente "noi" la situazione sarebbe ben diversa in barba a giudici,cgil…

  10. bene! se vogliamo uscire dalle battute da bar e parlare veramente di rimpatrio di chi delinque in italia ci sono due grossi problemi da affrontare. il primo é relativo al processo: se una persona delinque in italia DEVE essere processato secondo le NOSTRE leggi. Secondo, una volta svolto il processo fino al terzo grado, per il rimpatrio occorre che il paese di origine sia disponibile a prenderlo nelle proprie galere sulla base e di un processo fatto da noi. quindi occorrono trattati internazionali che si sta da tempo cercando di fare, ma con enormi e comprensibili difficoltà. qualche proposta intelligente in merito?

  11. tutto condivisibile, ma ad oggi purtroppo irrealizzabile.
    ci sono di mezzo questioni umanitarie con Paesi in cui la giustizia è messa ben peggio della nostra (torura, pena di morte, ecc. ecc.), ci sono qestioni di pura opportunità (diglielo tu alla Romania di riprendersi i suoi delinquenti, ce li mandano qui apposta!), e anche questioni politiche (tipo la Libia del colonnello che usava i clandestini come spauracchio per minacciare l’Europa, cacciate la grana o vi inondo di gente disperata…).
    il nostro peso politico è prossimo allo zero (vedi questione India vs. Marò), per questo dico che allo stato attuale il tutto è irrealizzabile, ci vorrebbero trattati su trattati e per queste cose ci vogliono anni di colloqui, oltre a convincimenti economici e commerciali (do ut des…) che sempre ad oggi non possiamo nemmeno prendere in considerazione.
    l’ europa (con la e minuscola) ci ha abbandonato a noi stessi, quindi l’unica cosa che ci rimane da fare è tenerceli.

  12. appunto. quindi parlare di rimpatrio é pura propaganda, oppure é una battuta da bar. basta chiarirlo, altrimenti si illude la gente con slogan inutili ma che servono alla speculazione politica. quanti hanno fatto fortuna politica illudendo la gente di cose impossibili…. ma portando l’Italia nella situazione che vediamo.

  13. Che risate… Rispondi: chi difende i DELINQUENTI? Ma non valgono le risposte generiche: danne una circostanziata, di quelle che (se non supportate da prove) ti fanno prendere una condanna per diffamazione. Vediamo se hai il coraggio.

  14. Ma non hai imparato molto dal nonno: tu ne dici solo uno di concetto. E quando devi dare spiegazioni non le sai dare e cambi discorso. Quindi sei senza parole. Meglio così…

  15. Guarda che il commento delle 13.09 non l’ho scritto io. E, siccome chi l’ha scritto non ha specificato a chi è indirizzato il suo commento, non escludo che fosse indirizzato a me. Comunque mi deludi anche tu: una cosa continui ad andare a dire, ma se ti si chiede spiegazione svicoli…

LEAVE A REPLY