Tennis, Brescia rimane senza italiane

0

La quinta edizione degli Internazionali femminili di Brescia ha perso le ultime due tenniste italiane rimaste in gara. Ma a giocarsi il titolo del torneo del circuito Itf da 25 mila dollari di montepremi, in scena fino a sabato 26 maggio sui campi in terra battuta del Tennis Club Forza e Costanza – sede del Castello, ci saranno comunque giocatrici di ottimo livello. Nei quarti di finale odierni la wild card Anastasia Grymalska si è arresa con il punteggio di 6-1 6-2 alla spagnola Beatriz Garcia-Vidagany, attualmente numero 411 della classifica mondiale. Nei primi due turni l’azzurra di origini ucraine era riuscita ad avere la meglio sul filo di lana grazie alla grinta messa in campo, che oggi però non è bastata. Partita un po’ contratta, la giocatrice allenata da Giampaolo Coppo ha subito permesso all’avversaria di prendere il comando e non è più riuscita a ribaltare l’inerzia degli scambi. Le ha provate tutte, ma la potenza della rivale l’ha obbligata a giocare lontano dalla linea di fondo, mettendo a nudo la sua minore pesantezza di palla e alcune lacune dal punto di vista tattico, specialmente in fase difensiva.

Tuttavia si tratta di una sconfitta che non rappresenta una grande sorpresa. La Garcia-Vidagany è lontana dai piani alti del ranking solo perché un’operazione al menisco del ginocchio sinistro l’ha tenuta fuori dai campi dallo scorso mese di agosto fino ad aprile, ed è in grado di giocare a ritmi elevatissimi. Mancina, e dotata di una palla pesante e molto carica, la valenciana non è più giovanissima (24 anni a novembre), ma da quando è rientrata sta continuando a migliorare, e ha ancora tempo per tornare in alto. Il suo obiettivo è quello di andare oltre la 146esima posizione della classifica raggiunta nel 2010, anno in cui conquistò i quarti di finale al Wta di Marbella superando la belga Kim Clijsters. E, a giudicare da quanto ha mostrato a Brescia, il traguardo appare a portata di mano. Intanto domani se la vedrà con la terza testa di serie Tereza Mrdeza (6-1 7-5 a Stephanie Vogt), nella speranza di continuare la sua cavalcata partita dalle qualificazioni, spingendosi magari sino a quel successo che dopo due finali perse ancora le manca.

Lo stesso punteggio della Grymalska, ma a parziali invertiti, ha visto uscire di scena anche Corinna Dentoni, che in poco più di un’ora si è arresa alla seconda testa di serie Maria Joao Koehler, numero 211 del ranking mondiale. La mancina portoghese, che quest’anno ha raggiunto gli ottavi di finale al torneo Wta di Estoril e si è qualificata per gli Australian Open di Melbourne, ha mostrato un tennis più costante e di maggiore varietà, non permettendo all’azzurra di entrare in partita. Per lei, domani, ci sarà la 17enne slovacca Anna Karolina Schmiedlova, che battendo in tre set combattuti (6-4 4-6 6-4) l’olandese Richel Hogenkamp, ha allungato a venti la sua striscia di successi consecutivi. Prima di arrivare a Brescia aveva infatti conquistato tre tornei da 10 mila dollari di fila (i primi due in Turchia, l’ultimo in Germania), e nell’appuntamento lombardo (che l’ha vista partire dalle qualificazioni) è già a quota cinque vittorie, a dimostrazione di come nonostante la giovane età sia pronta per competere ad alti livelli. L’inizio delle semifinali di domani è fissato per le 14, con la sfida Mrdeza-Garcia-Vidagany. A seguire Koehler-Schmiedlova. Più tardi (non prima delle 18.30) la finale del doppio, che vedrà la coppia italo-lettone Dentoni/Marcinkevica opposta a Mrdeza/Zec-Peskiric.

RISULTATI

Singolare. Quarti di finale: Garcia-Vidagany (Spa) b. Grymalska 6-1 6-2, Mrdeza (Cro) b. Vogt (Lie) 7-5 6-1, Schmiedlova (Slv) b. Hogenkamp (Ola) 6-4 4-6 6-4, Koehler (Por) b. Dentoni 6-2 6-1.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome