Tiziana Ippolito è la nuova coordinatrice dei giovani pidiellini

0

(a.tonizzo) La 26enne Tiziana Ippolito è subentrata a Monica Mossetti nel ruolo di coordinatrice provinciale di Giovane Italia, il movimento dei giovani pidiellini. Il passaggio di testimone è stato ufficializzato oggi, nel corso di una conferenza stampa convocata nella sede le partito di via Rodi. Contestualmente è stato annunciata la “squadra”, composta da Marco Gobbi (consigliere a Collebeato), Davide Rolandi (consigliere a Pontoglio), Gabriele Salami (attivista a Gottolengo) e Fabio Terzi (attivista a Palazzolo).

La Giovane Italia bresciana, movimento nato dall’unione dei giovani ex-An ed ex-Forza Italia (i cui componenti, per statuto, non possono superare i 35 anni), ha sottolineato, tramite il suo presidente, Giangiacomo Calovini, di volersi muovere "in maniera critica, ma soprattutto propositiva". A lato del documento redatto dopo l’assemblea di sabato scorso agli Artigianelli, in cui vengono esplicitati tre punti basilari (le primarie di partito, il ricambio generazionale e i collegi provinciali), Calovini ha parlato di due iniziative bresciane nate in seno al movimento: la proposta della cittadinanza onoraria della Leonessa per il Dalai Lama, dopo il "no" di Milano, e l’appuntamento del 19 luglio per la commemorazione della strage di via d’Amelio. "Torneremo alla carica a settembre", ha concluso il presidente di Giovane Italia, "muovendoci nelle scuole e nelle università, ove il movimento, per ora, ha poco appeal".

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Quando facevamo politica per passione ed idealità, l’ASAN Giovane italia era presente, attiva, propositiva e rispettata in tutte le scuole d’Italia. Non c’erano vassalli dell’assessore (non ne avevamo) e nessuno sperava di diventare casta dicendo sempre sì.Ridimensionavamo la spocchia dei compagnucci e dei para-pretini e propagandavamo le idee sociali e nazionali alla base della nostra cultura ed identità.Sic tempora, sic mores…

  2. vuoi le primarie? e allora perchè sei passata da Milano e Roma nei salotti buoni per avere la nomina dalla coordinatrice nazionale? prima usiamo il vecchio metodo e poi cantiamo l’inno alle primarie?
    ipocrisia – falsità – arroganza tante parole che sono proprio degne di una nuova generazione che non ha capito nulla

  3. da eleggere con il prossimo congresso cittadino,comoda la via preferenziale,al convegno parlano di formattare e chiedono le primarie,se si tratta di loro le regole sono diverse.saremmo poi noi quelli da formattare……

LEAVE A REPLY