Loggia 2013, ipotesi ballottaggio tra grillini e Pd. Con Paroli fuori

22

Adriano Paroli, nel 2013, potrebbe non arrivare nemmeno al ballottaggio. Mentre i grillini rischiano addirittura di contendere lo scettro di sindaco a Emilio Del Bono. A rendere esplicito questo scenario è Cesare Giovanardi (socialista, già Pdl, candidato sindaco civico con scarso successo e oggi iscritto al Pd) che ha incrociato i dati degli ultimi sondaggi di Swg (8 luglio) con le prospettive elettorali per la Loggia. Risultato: se il sindaco uscente corresse in solitaria potrebbe doversi accontentare del 19 per cento dei voti. Un dato a cui non si sommerebbero nemmeno parzialmente l’8 per cento del candidato leghista (l’ipotesi di candidato sindaco, in quel caso, è la presidente del consiglio Simona Bordonali) e il 5% del terzo polo (Udc-Fli-Api). Mentre Del Bono, pur senza l’appoggio di Idv e Sel, potrebbe arrivare al 27 per cento. Ma la seconda piazza, a sorpresa, andrebbe ai grillini, accreditati di una percentuale di consenso intorno al 20 per cento. Magrissimo il bottino elettorale ipotizzato per Laura Castelletti (3%) e per Francesco Onofri (5%, addirittura meno del 2008 se si considera che oggi è appoggiato da Civica Brescia e Verdi). Ma su entrambi i valori pesa l’assenta di un metro di paragone nazionale (dunque si tratta di mere supposizioni). Infine Fenaroli potrebbe arrivare all’8% e un ipotetico candidato di bandiera di Sel al 3%. Un quadro davvero “rivoluzionario” per Brescia. Ma, ad oggi, quello di Giovanardi è poco più di un gioco ben riuscito. Perché il quadro nazionale e locale è ancora lontano da una chiara composizione e le intenzioni di voto tra qualche mese potrebbero essere ben altre.

Comments

comments

22 COMMENTS

  1. Vedremo così quanti asserviti alla politica ci sono in questa povera città. Forza m5s non diamo tregua a questi incapaci di intendere e di volere.

  2. Ormai al Giovanardi non rimane che dare i numeri,per conquistarsi un po di spazio e visibilità si autoaccuserebbe di tutto.Una cosa é vera ,Paroli vincerà perché la sinistra corre con troppi candidati,quanto ai grillini sono già un fenomeno sgonfiato .

  3. giovanardi ha ragione. lui i calcoli li sa fare sempre giusti. nel 2008 si è candidato a sindaco calcolando di avere 15 liste a sostegno e alla fine si è ritrovato con UNA. braoooooooo giovanardi…. continua così che andrai lontano…. nel fosss !!!

  4. Giovanardi ha cambiato vari partiti da destra e sinistra e non se lo e’ mai filato nessuno! Speriamo che adesso che e’ diventato anche veggente riesca almeno a farsi eleggere come consigliere comunale ma nutro forti dubbi in merito visto che i bresciani lo conoscono bene e hanno sempre evitato di votarlo!

  5. Voglio vedere come riuscirete cari compagni rosa shocking a governare senza soldini. Soldini depredati dal governo che state sorreggendo facendo finta di fare dei distinguo. Per le terga non prenderete più nessuno. Giusto qualche "ipnotizzato" che darà il suo voto senza sapere nemmeno il perchè.

  6. oddio, paroli può dormire sogni tranquilli: giovanardi nn ne ha mai azzeccata una di previsioni….. vi ricordate quando alle scorse elezioni diceva che avrebbe preso il 16% …… lo 0,46% in percentuale prese con una lista (ne annuciò ben 5 di supporto) risicata come numero di candidati. Giovanardi meglio che ti dia all’ippica….. anzi no perche punteresti sempre sul cavallo sbagliato!

  7. mio nonno ha fatto un sondaggio con i suoi amici al bar dopo un paio di cicchetti. Al ballottaggio andranno l’orso Yoghi e Little John. Paroli al 4%, Rolfi allo 0,2 (ah no è vero il candidato sindaco della Lega sarebbe Simona Bordonali, non Rolfi!!!!!) e i grillini al 18% (senza nemmeno sapere il nome del candidato). GIOVANARDI, VA A LAURA’ CHE L’E’ MEI!!!

  8. Giovanardi cambierà ancora casacca per andare con i Grillini?? non una novità ma una conferma!e a proposito dei sondaggi…mi sembrano molto prematuri e campati in aria. Deciderà il popolo di Brescia

  9. Si tratta di ipotesi assai remote, ma la polverizzazione del voto fra troppe liste e troppi candidati sindaco apre in concreto a scenari imprevedibili se si va la ballottaggio. Né è da trascurare la coincidenza con il voto politico nazionale che "trascina" quello amministrativo. Insomma, più che ironizzare, qui c’è da seriamente da preoccuparsi per il futuro governo della città.

  10. ma second voi il partito più vecchhio ed attento alla cadrega d’italia (Lega) non si allea con paroli per avere qualse assessore ? (vedi cosa fa in regione lombardia e ha fatto con l’amico di apicella)

  11. Pd, Udc e Sel… insieme… ah ah ah ah ha ha ha ha ha ah ah ah aha ha ah ah ah ah ah aha ha h…. Vendola e Casini a braccetto.. WOW!!! Ma state a baita

  12. Giovanardi non andrà sicuramente con il M5S semplicemente perchè non lo vogliamo. Figuriamoci se in un movimento come questo, (che fa una politica nuova e per certi versi rivoluzionaria) ci possiamo trovare un ex PDL, iscrito al PD! Ma per favore…Parliamo di Pozzi Ginori se vogliamo parlare di stronzate.

  13. Be’, se gli esponenti del "movimento 5 stelle" si esprimono con la tua eleganza, davvero un bel rinnovamento… Se ne sentiva il bisogno.

  14. non vedo perchè sbeffeggiare un autorevole componente della direzione cittadina del PD!
    Giovanardi è una risorsa del PD, eletto dagli elettori del PD ed ora è giusto che si esprima!
    Certo il fatto che incroci i dati delle politiche con le amministrative dimostra che ha bisogno di sostegno e comprensione. Stiamogli accanto è uno diversamente PD (ex diversamente PSI, ex diversamente PDL, diversamente candidato sindaco della sua lista)………..
    L o vedrei bene nel M5S…… è proprio il rinnovamento che vogliono…!!!!

  15. Da quando giovanardi sarebbe una risorsa?????? eppoi non risulta a nessuna che si stato eletto mi scusi…a che titolo si esprime??

LEAVE A REPLY