Manca il lavoro? Adecco cerca 55 profili tecnici in Provincia di Brescia

0

Sono 55 i profili tecnici ricercati in queste settimane nella provincia di Brescia da Adecco, agenzia per il lavoro leader nella gestione delle risorse umane. La ricerca si inserisce in una campagna nazionale che prevede il reclutamento di 800 profili su tutto il territorio italiano con un focus particolare in Lombardia – dove si registrano 270 opportunità di lavoro – in Triveneto e Piemonte e con richieste specifiche anche al Centro Italia e in alcune regioni del Sud. Tra le figure più richieste nella provincia di Brescia ci sono manutentori meccanici ed elettronici, montatori meccanici, elettricisti industriali, fresatori, attrezzisti, tornitoti a controllo numerico – CNC, operatori su macchine utensili – CNC, saldatori e alesatori.

In controtendenza rispetto al crescente livello di disoccupazione evidenziato dagli ultimi dati Istat, vi è una consistente domanda di profili tecnici specializzati da parte delle imprese italiane che guardano a questi lavoratori come risorse rare e preziose per sostenere la produttività e competere nei mercati internazionali.

Sebbene le ricerche interessino trasversalmente tutti i settori produttivi, a soffrire maggiormente della difficoltà di reclutare lavoratori con competenze specifiche sembra essere nell’area di Brescia l’industria metalmeccanica seguita da quella manifatturiera, automotive, chimico-farmaceutica, agricola-alimentare.

Ma da cosa dipende il gap occupazionale legato ai profili tecnici? “Le ragioni sembrano essere molteplici e complesse – spiega Stefano Moda, Head of Operations di Adecco per Bergamo e Brescia -. Da un lato si assiste ad un mancato ricambio generazionale relativo a queste mansioni operative che esercitano una attrazione minore nei confronti dei lavoratori più giovani in favore di altri percorsi professionali; dall’altra parte la continua evoluzione tecnologica degli impianti e delle attrezzature rende velocemente obsolete le competenze tecniche degli addetti imponendo una formazione costante sulle più recenti caratteristiche dei macchinari”. Da considerare, infine, come alle risorse sia spesso richiesta una spiccata polivalenza e competenze tecniche su più macchinari, necessarie per una organizzazione del lavoro per processi e per la realizzazione di prodotti complessi.

“La rincorsa alla specializzazione è un segno dei tempi: se da una parte siamo di fronte ad una crisi economica che comprime la crescita con effetti importanti sui livelli di occupazione, dall’altra si osserva una forte spinta all’innovazione che passa prima di tutto per una maggiore qualificazione della forza lavoro – commenta ancora Moda -. Puntare sulla formazione e sull’aggiornamento continuo della professionalità diventa, quindi, anche a Brescia non solo una sfida da cogliere prontamente da parte di lavoratori ed aziende ma anche un appuntamento improrogabile per rispondere alle esigenze specifiche del mercato”.

Nonostante il contesto economico attuale, quindi, le imprese bresciane sono pronte a puntare sul personale specializzato per affrontare le sfide dei mercati.

Ma quali sono i profili più richiesti? Tra le 55 figure ricercate la domanda riguarda principalmente manutentori meccanici ed elettronici, montatori meccanici, elettricisti industriali, fresatori, attrezzisti, tornitoti a controllo numerico – CNC, operatori su macchine utensili – CNC, saldatori e alesatori. Per queste posizioni è richiesta una esperienza minima di 4-5 anni nella mansione con relativa conoscenza dei macchinari e dei linguaggi di programmazione. Rappresentano requisiti importanti anche la capacità di problem solving, la flessibilità e spesso la disponibilità del candidato a lavorare su turni.

Gli anni di esperienza e le competenze richieste crescono nel caso della ricerca di profili più strutturati quali capi turno, capi officine meccaniche e responsabili di reparto e responsabili programmazione della produzione. In questi casi le aziende sono alla ricerca di candidati con comprovata capacità di gestione delle risorse, time management e problem solving, abilità di gestione di processi in organizzazioni aziendali complesse e conoscenza dell’inglese tecnico. Requisito preferenziale è anche la precedente esperienza nel settore in cui opera l’azienda.

Per il 20% circa dei profili ricercati è previsto l’inserimento diretto da parte dell’azienda, mentre per le altre posizioni la formula contrattuale verrà concordata in base all’esperienza del singolo candidato o si procederà con assunzione in somministrazione. L’indirizzo al quale inviare la propria candidatura è il seguente: tecnici.specializzati@adecco.it

Comments

comments

1 COMMENT

  1. io 10 anni fa volevo cambiare ditta . nonostante avessi oltre 10 anni di esperienza su tornio cnc mi sono sentito rispondere che ero troppo vecchio (36 anni) . Molte ditte vogliono persone giovani con esperienza , però la maggior parte delle volte le due cose sono incompatibili .Esempio : Mia nipote ,laureata con 98 in design d’interni , non ha trovato lavoro perchè senza esperienza lavorativa .

LEAVE A REPLY