Sedicente medico cinese denunciato per esercizio abusivo della professione e lesioni personali

3

La storia sembra quella di un film di altri tempi: un ricovero sospetto in ospedale, cure che invece di migliorare le condizioni di salute le aggravano, un sedicente ginecologo (in questo caso cinese) che opera senza titoli per farlo. E’ quanto scoperto dai Nas di Brescia che hanno concluso in queste ore un’indagine nei confronti di un medico cinese a seguito del ricovero in ospedale di una connazionale affetta da gravi patologie di tipo ginecologico alla quale erano state prescritte terapie “alternative” che hanno rischiato di comprometterne ulteriormente lo stato fisico. Così, dopo alcune indagini i Nas hanno individuato nei pressi della stazione di Brescia un ambulatorio medico gestito da un cinese pregiudicato perché già scoperto e denunciato nel 2008 mentre la Procura ha disposto la perquisizione sia del suo appartamento che di una vicina erboristeria. Nel corso delle perquisizioni i militari hanno sequestrato 3.200 confezioni di farmaci di provenienza cinese (cortisonici, antidolorifici, antibiotici, etc.), attrezzature e dispositivi medici, strumentazione chirurgica nonchè cartelle cliniche,Sedicente  ecografie e prescrizioni del Sistema sanitario nazionale. Non vi era traccia di apparecchiature per la sterilizzazione degli strumenti utilizzati nè di contenitori per la raccolta dei rifiuti sanitari, smaltiti come normali rifiuti urbani. Il sedicente medico cinese è stato denunciato per esercizio abusivo della professione medica, illecita importazione di farmaci, somministrazione di medicinali non autorizzati e lesioni personali.

Comments

comments

3 COMMENTS

  1. "Un ricovero in ospedale sospetto": ma non sarà che è il ricovero "sospetto" e non l’ospedale? Dunque "un ricovero sospetto in ospedale"? E "sedicente ecografie e prescrizioni" cosa vorrà dire? Mistero cinese?

LEAVE A REPLY