Movida bresciana, controlli nei locali. Scovati 11 dipendenti in “nero”

18
Bsnews whatsapp

Questa notte i  Carabinieri di Brescia, unitamente agli ispettori dell’I.N.P.S. di Brescia , nelle zone di P.le Arnaldo,  Borgo Wuhrer e Carmine, hanno sottoposto a controllo quattordici esercizi pubblici. Nell’attività sono stati impiegati 10 Carabinieri della Compagnia del capoluogo, e 14 ispettori dell’I.N.P.S. che hanno verificato la posizione di 52 lavoratori impiegati nei locali oggetto di controllo, accertando la presenza di ben 11 lavoratori irregolari. Sono al vaglio le posizioni di altri sei lavoratori che al momento non hanno prodotto la necessaria documentazione attestante la loro regolare posizione lavorativa. Al vaglio anche la posizione dei titolari dei locali in cui  sono stati trovati i lavoratori irregolari.

 

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

18 COMMENTI

  1. assurdo…ma volete lasciare che la gente, impoverita dalle continue tasse e dai tagli, si rilassi almeno durante il fine settimana? che risultato porteranno questi controlli?…la legalità???andate a controllare i politici anzichè i titolari dei locali notturni…….

  2. chissà se andranno a controllare anche la festa di radio onda urto come nel post di pochi giorni fa . Lì non li faranno mai entrare a controllare

  3. Ringrazio i Carabinieri per questi controlli. Se l’Italia è messa male è soprattutto per colpa di chi evade e di chi non denuncia e non si oppone!

  4. A me va bene che controllino anche i politici ed anche la festa della radio. Che controllino tutti! Chi non ha niente a nascondere, non ha niente da temere. Resta il fatto che questi controlli hanno evidenziato delle irregolarità. O vi va bene che ci sia gente che lavora in nero? O forse se ci sono altri che fanno cose che non vanno si cancellano le irregolarità di tutti?

  5. fossero locali gestiti da stranieri, tutti addosso ! siccome invece sono dei nostri ecco la solidarietà degli indigeni. senso dello stato, zero. come se lo stato non fossimo noi. ecco perché l’Italia é messa così male. bene i controlli !!! avanti così.

  6. ahhhh perchè pensi che invece i locali gestiti dagli stranieri siano REGOLARI ? ma che droghe usi ? hai mai visto in quanti cinesi lavorano in un bar – pensi che qualcuno di loro sia assunto ? o nei phonecenter pensi che ci siano lavoratori reagolari o nei ristoranti egiziani ? solo che i locali alla moda o della movida bisogna TARTASSARLI perchè sono gestiti da italiani mentre i locali gestiti da stranieri – poverini loro possono essere TUTTO in NERO !

  7. certo che scrivere che gli stranieri sono protetti dalla gdf che invece tartassa gli italiani é veramente da stupidi. ma perché´dovrebbe essere così? che la gdf controlli tutto, ha tutta la solidarietà dei cittadini onesti. quelli che hanno da nascondere… si inventano le palle.

  8. vicino a casa mia hanno aperto da alcuni mesi un fruttaverdura pakistano. il BOSS non c’è mai ma ci sono 3-4 ragazzi giovani pakistani – un giorno uno di questi ragazzi mi ha raccontato che praticamente vivono da SCHIAVI pagati quando và bene 3 euro all’ ora – ma loro non possono fare niente altrimenti li rimandano in pakistan senza niente. Lui mi diceva che fra i cinesi è ancora peggio e tutte le attivitò tenute dagli stranieri hanno personale tutto in NERO. Ma tanto lì nè l INPS nè i SINDACATI non mettono naso perchè non gli interessa ! allora cosa dobbiamo fare : VIVA LA SCHIAVITU’ ?

  9. Se sei a conoscenza di reati, denuncia alle autorità. Perchè non denunci? Il lavoro nero sottrae risorse anche a te, oltre che a tutti noi!

  10. Mariella, ma se dici che il titolare non c’è "mai" e se sei così in confidenza con i dipendenti tanto da sapere che sono in nero, da sapere quanto guadagnano, da sapere che vorrebbero denunciare ma non possono, non vorrai per caso dirci che sei cliente di quel negozio? Negozio che di sicuro ha i prezzi più bassi di altri perchè usa personale in nero facendo così concorrenza sleale a chi invece è in regola? Spiega meglio…

  11. Veramente bizzarro: l’autore o autrice del commento firmato "ò SI", commette lo stesso errore di marinella m. presunta simpatizzante di Lotta comunista e feroce critica nei confronti della radio, cioè scrive "radio ondaurto" al posto di Radio onda d’urto, come accaduto nella discussione sulla notizia: "Festa di Radio Onda d’Urto: ecco il programma completo. Aprono i 99 posse e chiude la Zilli." che potete facilmente cercare in archivio. L’aspetto divertente è che in quel forum la sedicente Marinella aveva usato uno stile identico a quello di Giannino l’artigiano, giorgio il commerciante, claudio ex quarta internazionale (cioè uso superfluo e ridondante di punti esclamativi, puntini di sospensione, punti di domanda, oltre ad un buon numero di errori di battitura e ortografici, come aveva fatto notare il sig. Daniele nel suo commento). Tra l’altro anche qui "ò SI" ci propone una serie di parole in maiuscolo, guarda caso come mariella p. Allora signora marinella, mariella, giorgio, claudio, giannino, perchè non prova ad esprimere il suo parere firmando i commenti con il suo nome invece di inventarsi mille identità? Forse sarebbe più credibile..

  12. i ragazzi sfruttati dal fruttivendolo pakistano lo devono denunciare: otterranno un permesso di soggiorno regolare con il quale potranno cercare lavoro regolarmente. é una norma recente che permette di regolarizzare chi é sfruttato e punire chi sfrutta. diffondere la notizia. basta con i furbi che danneggiano tutti noi,

  13. a quelli che non mi credono che la situazione di ragazzi pakistani, cinesi, indiani, rumeni, russi, ecc. lavorano in negozi ed attività commerciali in NERO sotto ricatto andate un pò a vedere voi – io non denuncio quel boss pakistano solo perchè i ragazzi che lavorano da lui mi hanno supplicato di non dire niente altrimenti in tre giorni sono già messi su un aereo e rispediti a casa senza un euro. O pensate che siano palle queste ? E se son sono palle perchè i sindacati, INPS, ecc non vanno a chiudere quelle attività o a regolarizzarle? mariella

  14. deciditi: se pensi che la situazione vada denunciata fallo o consiglia ai ragazzi di avvalersi della norma che concede a loro il permesso di soggiorno se denunciano il datore di lavoro in nero. se invece pensi che denunciare sia peggio per i ragazzi stessi, ma che cavolo vuoi? vuoi che altri (che non sanno) facciano quello che invece tu che ne sei a conoscenza puoi fare? ma assumiti le tue responsabilità!!!

  15. I controlli vanno fatti eccome. Chiedere però ad un privato cittadino, con tutte le conseguenze e i disagi del caso, di fare quello che le forze dell\’ordine dovrebbero fare quotidianamente, mi sembra troppo comodo e anche da vigliacchi. Mai uscito da un barbiere senza scontrino fiscale? Mai uscito da un ristorante senza scontrino fiscale? E da un dentista? Hai denunciato mai qualcuno per questo? Capaci tutti di giudicare e criticare gli altri.

  16. che sia italiano che sia straniero colui che fa lavorare o lavora in nero in un momento come questo è da denunciare .Attenzione però andrebbero trattati entrami con le medesime formalità – Pesanti sanzioni al datore di lavoro e pesanti sanzioni al lavoratore. Se così non verrà fatto il lavoro nero non finirà mai. Per i datori di lavoro in questo periodo esistono tanti modi per risparmiare (apprendistato , assunzione dalla mobilità, voucher per chi ne ha necessità poche ore lla settimana ecc…) E’ vero che spesse volte sono i lavoratori stessi a richiedere di poter lavorare in nero per evitare di perdere agevolazioni (sussidi di disoccupazione, contributi, reddito che si alza ecc…) Allora sanzioniamo entrambi allo stesso modo. Gli stranieri sanno benissimo che in questo momento denunciare chi li fa lavoare in nero gli porterà ad avere il permesso di soggiorno. Perchè allora non lo fanno? e basta con "Poveri commercianti" che per anni hanno guadagnato fior di quattrini tra sfruttare i lavoratori e non pagare le tasse – Capisco che ora i periodi non sono dei migliori ma bisognerebbe tutelare solamente chi investe seriamente

RISPONDI