Via Toscana: un futuro di espropri e demolizioni a insaputa dei residenti

0

Sono giorni di grande preoccupazione in via Toscana, dove i residenti sono vittime di un futuro sempre più incerto. Sono tre le palazzine destinate alla demolizione a ridosso dei binari dove passerà l’alta velocità, la famigerata Tav. Venticinque famiglie e un centinaio di persone stanno con il fiato sospeso. Dietro alla vicenda, inoltre, ci sono parecchie ombre. I residenti, infatti, hanno appreso la notizia degli espropri e del futuro abbattimento delle palazzine dal Giornale di Brescia. A breve i diretti interessati potrebbero costituire un comitato e attualmente stanno cercando di fare chiarezza sull’accaduto. Una cosa è certa, se esproprio e abbattimento dovrà essere servirà un indennizzo per consentire a queste persone di trovare una nuova casa, con buona pace di legami affettivi e ricordi, da mettere in valigia come se nulla fosse.

Per ora si sa che la gara d’appalto avrà una ditta vincitrice il prossimo settembre. Il progetto andrà sviluppato e portato a termine entro 3 anni e mezzo. I residenti hanno chiesto spiegazioni alla Loggia, che non ha saputo dare risposte esaustive in merito. Oggi, tuttavia, il vicesindaco Rolfi è intervenuto sulla vicenda affermando che i cittadini di via Toscana non saranno lasciati soli. “A settembre – ha affermato il leghista – ci sarà un incontro con le Ferrovie dello Stato per fare il punto della situazione. Il Comune sarà il garante per comunicazioni efficaci su ogni passaggio dell’iter e per velocizzare le procedure di indennizzo”. La circoscrizione Sud, intanto, ha annunciato che verrà indetta un’assemblea pubblica non appena arriveranno comunicazioni ufficiali sugli espropri.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Meglio che se ne occupi direttamente il comune non la circoscrizione sud sarebbe una perdita di tempo prezioso,anche perché se si guarda la cartina il problema poi si estende verso via brozzoni,via corsica …?

LEAVE A REPLY