Torre Tintoretto, giù entro la fine dell’anno. La Regione stanzia un milione di euro

5

Stanziato 1 milione di euro da parte della Regione Lombardia per il Contratto di quartiere di San polo-Tintoretto di Brescia. A breve le 29 famiglie che vivono ancora nella torre saranno sistemate altrove ew, entro fine anno, la torre verrà abbattuta. Questi, in sintesi, i contenuto dell’accordo siglato a Palazzo Loggia dall’assessore regionale alla casa Domenico Zambetti, dal sindaco di Brescia Adriano Paroli e dal presidente dell’Aler Ettre Isacchini.

 

Comments

comments

5 COMMENTS

  1. ma sono proprio matti ! non ci sono abitazioni e questi quá le distruggono. solo i costruttori avranno un vantaggio da questo spreco di danaro pubblico. non possono buttare i nostri soldi così.

  2. le torri sono dei lagher inumani, finalmente verranno abbattute e i residenti sistemati (già da ora) in case umane e a misura d’uomo.
    Grazie grazie grazie!!!

  3. Che scandali su scandali questa giunta…..in questo periodo di crisi in cui l’obiettivo sarebbe il risparmio massimo delle finanze pubbliche ed il loro utilizzo per attività veramente utili ed indispendabili… qui io vedo solo sprechi su sprechi!

  4. andatevi a vedere la torre prima di sentenziare giudizi, è fattiscente ed un simil ghetto fuori controllo oltre che un mostro dal punto di vista ambientale. Al suo posto ci sarà spazio per un nuovo progetto più consono al quartiere e più dignitoso per tutti! Certo i soldi non son pochi, ma la qualità di vita non va dimenticata! Nessuno tra chi li abita e chi ci vive vicino attualmete può ritenersi felice di una tale opera! Credo che i commenti negativi siano solo propaganda politca! Brescia ha il diritto di rinnovarsi ed anche (se possibile) cancellare certi errori del passato che oggi non sono più attuali con il livelli di vita sociale raggiunti.

  5. le torri andrebbero ristrutturate. esiste un progetto di ristrutturazione per 15milioni. per chi non ha casa la torre é una villa. piuttosto che niente é meglio piuttosto.

LEAVE A REPLY