Autostrada della Valtrompia, Cattaneo: condivido le preoccupazioni di Parolini per il ritardo

0
Bsnews whatsapp

“Condivido le preoccupazioni di Parolini, per il ritardo di un’opera strategica resa esecutiva anni fa dal Cipe”. Lo ha detto l’Assessore alle Infrastrutture Raffaele Cattaneo rispondendo all’interrogazione presentata dal bresciano Mauro Parolini (PDL). Il documento denuncia infatti, in riferimento al raccordo autostradale tra l’A4 e la Valtormpia, il ritardo e l’inerzia di Anas e del Governo nei confronti di una infrastruttura fondamentale per il territorio sia in termini economici che di vivibilità per la valle.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Parolini è il tipico politico parolaio: sul Giornale di Brescia ebbe a dichiarare che i cantieri dell’Autostrada della Valtrompia sarebbero partiti nel 2006…

  2. Opera inutile, costosa, che non ha più senso visto il numero di aziende fallite in Val Trompia. E fallite non certo per l’assenza dell’autostrada, sia chiaro.

  3. ecco un altro canto del cigno….che se ne va.Della autostrada della Val Trompia se ne parla dal 1968, ed oggi che le aziende non ci sono più ,vuoi per la delocalizzazione ,vuoi per la crisi funesta,un pensiero diverso ci vuole( ci dispiace e lo ricordiamo a chi presidente era della Com.tà Montana della "montagna" di denaro sperperati per i progetti della strada,non ultimo quello dell’Ing. De Rio) Pensare alla mobilità pesante, perchè di quello si tratta su questa arteria, che si innesta con quella leggera e di servizio,diventerebb e più semplice se in questi anni si fosse pensato ad isolare i percorsi ciclabili che dovevano e potevano essere fatti,visto i vincoli che vi erano sui vari PRG,nonchè regolare le entrate e le uscite dei grandi stabilimenti,postici pandole o anticipandole,per non creare i soliti imbuti di traffico,magari recuperando il percorso tramviario che esisteva. Ma si sa ogni Sindaco deve soddisfare il proprio elettorato e cosi ci troviamo ogni 3×2 un semaforo,un innesto con la soluzione che da Brescia a Gardone ci si impiega come ad andare a Milano ,con le cause di un inquinamento peggiorativo.

RISPONDI