Concorsopoli, Cammarata attacca la Lega: non hanno mantenuto fede alle dichiarazioni

8

Questa mattina si è riunita per l’ultima volta a Palazzo Broletto la commissione d’indagine sui concorsi per l’assunzione di personale in Provincia e in particolare sulla cosiddetta Carrocciopoli. Con una nota il presidente della commissione Roberto Cammarata (Pd) fa il punto della situazione e attacca la Lega per non aver consentito alla commissione di “proseguire i lavori indagando sui concorsi banditi dall’amministrazione dal 1985 al 2008, in esecuzione del mandato ricevuto dal Consiglio con la delibera istitutiva del 2010”.

ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO

Questa mattina si è riunita per l’ultima volta a Palazzo Broletto la Commissione d’indagine sui concorsi per l’assunzione di personale in Provincia. La Commissione aveva sospeso la propria attività a seguito della consegna al Consiglio Provinciale, il 13/04/2011, delle relazioni (di maggioranza e di minoranza, discordi sugli esiti dell’indagine) sul concorso che, nel 2010, aveva portato le cronache locali e nazionali a parlare di un caso di “Concorsopoli” o “Carrocciopoli” in Broletto per la presenza di numerosi candidati di fede o parentela leghista tra i vincitori del concorso. Il clamore mediatico e i lavori della Commissione hanno portato di fatto, fino ad oggi, al congelamento del concorso e alla non assunzione dei vincitori.

La Commissione avrebbe dovuto poi proseguire i lavori indagando sui concorsi banditi dall’amministrazione dal 1985 al 2008, in esecuzione del mandato ricevuto dal Consiglio con la delibera istitutiva del 25/10/2010. Tale mandato era stato fortemente voluto dalla Lega Nord, che aveva subordinato il suo voto favorevole all’istituzione della Commissione alla richiesta che la stessa indagasse anche sui concorsi precedenti.

La sospensione dei lavori era dovuta a una questione regolamentare. Il Regolamento per il funzionamento del Consiglio Provinciale prevedeva, infatti, che la Commissione potesse operare solo sulle attività dell’amministrazione in carica, inibendo quindi la prosecuzione delle indagini a ritroso, come chiedeva la Lega. Abbiamo aspettato che giungesse a termine il percorso di revisione del Regolamento, per vedere se la Lega, in coerenza con quella sua pretesa, chiedesse al Consiglio di modificare quell’articolo per permettere alla Commissione di proseguire nei lavori.

Ciò non è avvenuto, la Lega Nord ha fatto retromarcia, dimostrando la strumentalità di quella richiesta, e il Consiglio Provinciale, lo scorso 27 luglio, ha approvato il nuovo Regolamento che riporta esattamente lo stesso limite alle attività della Commissione d’indagine.

Oggi, pertanto, la Commissione non ha potuto far altro che prendere atto dell’impossibilità di proseguire i lavori, decretando di conseguenza la propria chiusura.

 

Roberto Cammarata

Consigliere provinciale

(già Presidente della Commissione d’indagine)

Comments

comments

8 COMMENTS

  1. uhm..è una singolare coincidenza che i principali accusatori in questa vicenda abbiano cognomi(o siano)meridionali.Pe r carita,i signori cinquepalmi e cammarata conducano pure la loro giusta battaglia,solo si ricordino che le presunte malversazioni che denunciano a brescia sono risibili bazzecole rispetto allo schifo che avviene in bassa italia.

  2. Quelli dell’ALTA ITALIA collezionavano lingotti acquistati a spese nostre per investirli in Tanzania. Ma abbiate almeno il coraggio di tacere e sparire voi e le vostre camice verdi!!!!!

  3. E’ una singolare coincidenza anche che la lega abbia governato per anni insieme a Larussa, Gasparri, Cicchitto, Alfano, etc etc garantendo sempre il voto alle leggi a favore del bandana, risanando il buco di bilancio del Comune di Catania (sindaco: il medico personale del bandana), lasciando le tasse che aveva promessodi togliere,… Lì nessun problema con la "bassa italia"…

  4. Ma rimanendo in tema concorso visto che di questo parla l’articolo…che lavoro avete fatto? Alla fine questo concorso è stato regolare o no? La commissione al termine del lavoro ha trovato irregolarità? Per questo mi pare fosse stata creata la commisisone..no? Sarebbe bene anche comunicare l’esito di cotanto impegno, lavoro e fatica….

  5. Cammarata, ci dica cortesemente quanto è costata la commissione di indagine che nulla ha dimostrato alle casse della Provincia di Brescia…di quanto era il gettone di presenza? 140 euro o di più?e quanto commissioni avete fatto? e quanti erano i componenti della commissione? ben si capisce allora perchè ha cosi a cuore a tenere in piedi un commissione che non ha senso di esistere, visto che il concorso preso da voi di mira non è sfociato nelle assunzioni semplicemente per la volontà del presidente Molgora di tagliare il personale…puo’ sempre chiedere al suo amico Cinquepalmi di fare delle verifiche sui concorsi fatti negli anni passati, controllando anche quelli vinti dai suoi amici…

  6. be ma se vanno davvero indietro negli anni si trovano le mogli, i mariti, i figli, parenti di politici di sinistra…come mai non si riesce ad andare a verificare? Forse perchè a nessuno è vietato partecipare ad un concorso pubblico, nè a parenti nè ad amici …. pertanto le verifiche sono già inpartenza senza alcun esito propositivo (evidentemente con le commissioni si guadagna il gettone, bravi!)pertanto se le prove sono regolari dovrebbero solo che starsene zitti. La differenza è che in passato la sinistra se n’è sbattuta e li ha assunti tutti…..oggi invece….bloccano le assunzioni….allora perchè avevano bandito il concorso? C’era o non c’era bisogno di personale? Tutto questo fare e disfare è vergognoso.

LEAVE A REPLY