Chiusura centrale operativa 118, Girelli (Pd): “Quali sono le baronie di cui parlava Galli?”

0

E’ diventato un botta a risposta a mezzo stampa quello tra i consiglieri regionali bresciani della Lega Nord e il consigliere regionale bresciana del Pd Gianantonio Girelli. Un botta e risposta iniziato con le accuse del democratico, proseguito con la replica del Carroccio che ora si concluide con la controrisposta di Girelli, trasmessa qui di seguito:

“Prendiamo atto che sulla vicenda della chiusura della centrale operativa del 118 di Brescia i consiglieri regionali bresciani della Lega Nord preferiscono seguire la linea del loro capogruppo Stefano Galli. Quest’ultimo solo pochi giorni fa in Consiglio regionale ha motivato il respingimento della mia mozione a salvaguardia del presidio con queste parole: forse ci siamo abituati ad alcune baronie locali e mi permetto di dire che Brescia è sempre stata una baronia a sè. Come se fosse una provincia a sé sotto questo aspetto che negli ultimi anni è stata coccolata anche da una serie di assessori che stranamente erano tutti bresciani….

Tralasciando il fatto che i consiglieri regionali bresciani della Lega ci dovrebbero spiegare cosa intendeva Galli con baronia e se loro ne fanno parte, vorrei però ricordare a tutti che la baronia bresciana è quella del Project Financing dell’Ospedale Civile mentre a Bergamo e Varese gli ospedali sono stati costruiti con i soldi della Regione. Il servizio dell’Emergenza urgenza funziona grazie alla professionalità degli operatori sul territorio che garantiscono un servizio efficiente nonostante la politica regionale. L’unica baronia esistente in Lombardia è quella di una gestione che come la cronaca giornalmente ci consegna è caratterizzata da vicende “poco chiare”.

Se gli stessi consiglieri leghisti poi confondono la riorganizzazione territoriale dell’Emergenza-Urgenza – che peraltro ha mostrato qualche criticità – con la sede operativa del 118, allora forse vuole dire che qualche cosa di corretto nella battaglia che stiamo portando avanti con gli operatori del settore c’è. Mi auguro che ci sia da parte loro un rigurgito di reale autonomia e non, come peraltro in casa leghista è di norma, il semplice assecondare il capo bastone di turno”.

 

Comments

comments


CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI