Brescia. Dopo il ricorso di Bonardi, Rossi e Margaroli, il Tar conferma il blocco dello stipendio

11

(a.c.) Da febbraio non ricevono lo stipendio da presidente di circoscrizione, circa 1.700 euro netti al mese. Colpa (o merito) del Governo Monti, che ha inserito il provvedimento tra quelli che colpiscono gli enti non costituzionalmente previsti, come appunto le Circoscrizioni. In seguito alla richiesta di sospensiva avanzata dai tre presidenti, Flavio Bonardi, Marco Rossi e Mattia Margaroli, il Tar della Lombardia ha confermato la sospensione dello stipendio, almeno fino alla sentenza definitiva. 

I tre presidenti dunque continueranno a non percepire lo stipendio, che sarà riconosciuto nel caso la sentenza darà loro ragione. Con la richiesta di sospensiva Bonardi, Rossi e Margaroli chiedevano semplicemente di ricevere i compensi che avrebbero poi restituito in caso di sentenza a loro sfavorevole. Il Tar si è pronunciato dicendo invece che non sussitono condizioni di gravità, in pratica i tre ricorrenti possono mantenersi da soli (in attesa dal pronunciamento) anche senza stipendio, alla luce dei loro impegni professionali privati: Rossi e Bonardi hanno un altro lavoro, mentre Margaroli è ancora studente.

I primi due sulle colonne di Bresciaoggi hanno replicato dicendo che i loro impegni privati sono da tempo "in aspettativa". 

Lini e Garzetti, gli altri presidenti di circoscrizione? Nessun ricorso da parte loro: Lini (che solidarizza con i tre colleghi) afferma che, visti i tempi della giustizia in Italia, avrebbe atteso troppo la sentenza; Garzetti invece parla di scelta etica.   

Comments

comments

11 COMMENTS

  1. Garzetti ci deve spiegare cosa c’è di etico in tutto questo;STANDO AL SUO CONCETTO(che avvalla il Tar),sarebbe maggiormente etico che anche ai consiglieri comunali e molti assessori fosse tolto il gettone e stipendio dato che non sussistono le condizioni di gravità.

  2. ASSURDO: i presidenti di circoscrizione dei comuni siciliani girano in auto blu e guadagnano migliaia di euro al mese. LAVORA, SOMARO LOMBARDO

  3. E’ il federalismo, baby… "La Lombardia deve decidere…", "La Lombardia deve essere libera di…" andavano pensati anche sostituendo a "Lombardia" anche Calabria, Sicilia, Puglia, etc etc. Tutti liberi da Roma e adesso (quindi, come prima…) pedalare…

  4. Invece di credere di essere spiritoso, lei dovrebbe ripassarsi la costituzione: la Sicila e’ – purtroppo per i contribuenti onesti – una regione a statuto speciale, nella quale, coi NOSTRI soldi i siculi fanno quello che vogliono, e pure garantiti dalla costituzione e dai parrucconi che la difendono… il federalismo e’ tutt’altro…e a pedalare adesso cominci lei, fino in trinacria.

  5. E la Calabria? La Puglia? Guardi che, essendo per l’appunto un contribuente onesto, io non li "difendo", al contrario. Faccio solo notare che quella che sembrava la panacea di tutti i mali non solo non lo è stata, ma ha addirittura aggravato il problema. Io è da anni che pedalo, qui ci hanno solo fatto cambiare la bicicletta facendoci credere che sarebbe andata meglio… Per quello ho scritto "come prima"! E’ un problema dirlo? Si può parlare? O devo dire che mi ha fatto piacere che Bossi e Calderoli al governo abbiano ripianato il buco di bilancio del Comune di Catania? Me lo dica lei, perchè se devo anche essere contento cercherò di attrezzarmi…

  6. Lavorano?VENGA VEDERE ALLA sud quanto tempo ci passa LIni . Trovarlo è un terno al lotto……alle volte è meglio tacere …

  7. @pinco pallino: dovrebbe aver la bocca molto, ma molto, ma molto, ma molto, ma molto larga per tenere in bocca il pres. Lini….. Somega…..

  8. Fino a prova contraria dato che nominate la Sud,da quando sono stati tolti i gettoni ai consiglieri,il senso di responsabilità dell’opposizionei nei confronti dei propri elettori e del mandato ricevuto è ridotto ai minimi termini circa tre/*quattro unità per consiglio,mentre la maggioranza è sempre stata presente. Detto questo riteno che al di là di chi governa,il gettone per i consiglieri e lo stipendio per i presidenti debbano essere un atto dovuto;si può discutere sull’entità del contributo ma no sulla legittimità dello stesso,strumento indispensabile per far si che la politica non sia solo per chi se la può permettere

  9. ignora anche che per oltre 6 mesi la lega , nella sud ha percepito con Savoldi danaro pubblico, senza fare nulla, senza nemmeno la presenza? Penso che coerentemente la lega avrà "restituito" quel danaro pubblico o no?

LEAVE A REPLY