Nella Leonessa sono quasi mille le aziende con il pollice verde

0

Estate a curare il giardino tra gli hobbies dei lombardi. Alla cura, alla vendita e alle coltivazioni di fiori e piante all’aria aperta o in colture protette si dedicano oltre 7 mila imprese regionali, in crescita dell’ 1,7% in un anno, per un giro d’affari di oltre 700 milioni di euro. Nella classifica delle regioni con il maggior numero d’imprese legate al verde la Lombardia si piazza prima in Italia con un peso pari al 14,9% del totale nazionale. Nella classifica delle province lombarde con il maggior numero d’imprese legate al verde Milano è prima con 1.444 attività e un peso pari al 20,5% del totale regionale. Seguono Varese con 994 imprese (14,1% sul totale lombardo), Brescia (947 attività, 13,4%) e Bergamo (795, 11,3%). Bene per crescita Sondrio (+7,4%), Lodi (+6,1%) e Milano (+3,7%). Emerge da un’elaborazione della camera di commercio di Milano su dati registro imprese al 2012 e 2011.

Le specializzazioni. Cremona è la provincia lombarda con il maggior peso di negozi di fiori, Milano quella con più ambulanti, a Lecco il 30,2% delle attività “verdi” sono coltivazioni di fiori in piena aria o in colture protette mentre Varese è prima per la cura e manutenzione del paesaggio. Brescia, in particolare, è la Provincia con la percentuale più alta per la “Coltivazione di fiori in piena aria e in colture protette”.

Identikit del giardiniere lombardo… A chi affidano la cura dei propri giardini i lombardi? Il giardiniere “tipo” è quasi sempre uomo (95,6%) e in un caso su due di età compresa tra i 40 e 59 anni. E oltre uno su sette è nato fuori dall’Italia (15,1%): romeni (12,6%), egiziani (12%), marocchini (11,7%) e cinesi (11,6%) gli stranieri più presenti. remona, Lodi e Sondrio le province lombarde con la percentuale più alta di donne che si occupano di cura e manutenzione del paesaggio (rispettivamente pari al 15%, al 13,2% e al 12,5%) mentre Lecco è la provincia “più giovane” in quanto quasi un giardiniere su tre è under 30. A Milano quasi un addetto al giardino su cinque è straniero (18,5%%), a Lodi sono oltre uno su sette (14,9%) mentre a Pavia gli stranieri sono il 12,3%.

Comments

comments

LEAVE A REPLY