Maderno, con la festa di Sant’Ercolano venerdì tornano i madonnari

0

Maderno. Anche quest’anno la ricorrenza di Sant’Ercolano sarà arricchita dalla presenza dei Madonnari, artisti provenienti da tutto il mondo che venerdì 10 agosto si riuniranno in Piazza San Marco e nel centro storico cittadino per raccontare, attraverso le loro opere, la storia del Santo.

L’evento durerà l’intera giornata, dalle prime ore della mattina fino alle 22.30 circa, con il verdetto della giuria popolare e la successiva premiazione dell’opera migliore, coinvolgendo anche i più giovani, che potranno imparare la tecnica dei Madonnari grazie agli insegnamenti di un docente a loro disposizione. Alla sera, prima della premiazione, alle ore 20,30, nella splendida cornice della Chiesa romanica Sant’Andrea, alla presenza degli autori Roberto Barucco e Rolando Giambelli, la presentazione del libro: “Trent’anni fa. Giovanni Paolo II e Brescia: una storia d’amore senza fine” sarà un momento ricco d’emozione.

Il progetto è stato realizzato dalla Pro Loco di Toscolano Maderno a cura di Paola Stagnoli, in collaborazione con il Comune di Toscolano Maderno, la Provincia di Brescia- Assessorato alla Cultura e al Turismo e con il Consorzio Garda Formazione, che ha permesso la partecipazione degli allievi ai quali verranno insegnate le tecniche dei Madonnari e degli Oratori di Toscolano Maderno che coinvolgeranno i bambini. Inoltre la manifestazione ha ottenuto il patrocinio della Comunità Montana del Parco Alto Garda Bresciani, nonché l’approvazione di Don Leonardo, parroco della Parrocchia Arcipretale di S. Andrea Apostolo di Piazza San Marco.

L’Assessore Provinciale al Turismo e Cultura Silvia Razzi ha aderito con grande entusiasmo all’iniziativa: “Il ricordo di S. Ercolano fa parte della nostra storia – ha affermato – celebrarlo con questo evento significa ripercorrere non solo il grande mistero della cristianità, ma rendere omaggio anche a quelle tradizioni popolari che sono parte viva della nostra appartenenza. L’iniziativa nasce dal desiderio di divulgare ai residenti e ai turisti la storia di Sant’Ercolano, per dare la possibilità, soprattutto alle nuove generazioni, di conoscere la vera spiritualità dell’evento e di apprezzare ancora di più lo spettacolo pirotecnico che illumina il golfo di Maderno la sera dell’11 agosto, vigilia della festività. In questo senso, il contributo dei Madonnari rappresenta un grande valore aggiunto: territorio e tradizione, ancora una volta, si incontrano attraverso la pittura, intesa come schema universale di riferimento, e si avvalorano ancora di più con il ricordo di un personaggio profondamente legato alle nostre origini, con i nostri riti, con la religione che appartenne ai nostri padri e che oggi, anche in manifestazioni come queste, ritroviamo con autentico piacere.”

Cenni storici.

Ercolano, che visse nello stesso periodo dell’omonimo S. Ercolano Vescovo e Martire di Perugia, fu insigne per eloquenza ed ingegno; nemico della ricchezza ed amico dei poveri, lasciò patria e famiglia per servire Dio. Esercitò l’ufficio di Abate in un monastero della città di Brescia e fu eletto diciannovesimo Vescovo di Brescia nel 522. Si racconta che con le sue preghiere restituì la vita a due defunti e che alla sua voce ubbidissero i pesci, gli uccelli e molti altri animali terrestri.

Si ritirò nella penisola di Campione, dove visse una vita in solitudine e dove morì nel 576.

Le reliquie del Santo, rivisitate più volte nei secoli, ora giacciono nella Chiesa parrocchiale di Maderno.

La tradizione

I paesi rivieraschi che si contendevano le spoglie del Vescovo risolsero di deporle in una barchetta senza guida che, affidata alle acque del Lago ed al volere di Dio, prodigiosamente approdò sulle rive del Golfo di Maderno dinnanzi alla Chiesa dove, ancora oggi, si trovano un cancello ed una pietra recante un‘iscrizione in memoria di quanto accaduto. Si narra che in quel tratto di Lago, dove l’acqua è molto profonda, vi cadessero molti fanciulli e, per grazia del Santo, nessuno vi annegasse. Come ogni anno, ormai da secoli, i Sacerdoti delle Parrocchie della Riviera Gardesana concelebrano la Santa Messa il 12 agosto, preceduta dalla benedizione del Lago.

La ricorrenza oggi

L’usanza dello spettacolo pirotecnico (la sera dell’11 agosto) nasce dal desiderio di festeggiare la vigilia dell’arrivo della barchetta con le spoglie del Santo nel Golfo di Maderno Anche quest’anno la ricorrenza sarà arricchita dalla presenza dei Madonnari, artisti provenienti da tutto il mondo che, con la loro arte, racconteranno la storia del Santo.

Ci sarà una giuria popolare che valuterà la migliore opera. Le opere saranno esposte nei giorni seguenti. I Madonnari, di fama internazione, saranno poi ospiti dell’Hotel S. Marco e del Caffè Centrale.

Programma

Venerdì 10 agosto 2012

MADERNO – piazza San Marco e Centro Storico

ore 8.00 Arrivo dei Madonnari

Inizio lavori in Piazza San Marco centro storico

ore 9.00 Via Benamati partecipazione attiva allievi Consorzio Garda Formazione

ore 13.00 Pausa pranzo

ore 14.30 Ripresa lavori e lezioni gratuite per i bambini che vogliono imparare l’arte dei Madonnari con la partecipazione degli Oratori di Toscolano Maderno

ore 17.00 – 19.00 Esposizione opere e votazione popolare

ore 20.30 Chiesa romanica Sant’Andrea presentazione del libro: “Trent’anni fa. Giovanni Paolo II e Brescia: una storia d’amore senza fine”.

Autori Roberto Barucco e Rolando Giambelli.

ore 22.00 Conclusione evento e premiazione

A seguire intrattenimento musicale con “Johnatan Blues Band”

Info:

Pro Loco Toscolano Maderno

Via Garibaldi, 24 | Tel. 0365 64 42 98

prolocotoscolanomaderno@gmail.com

www.prolocotoscolanomaderno.com

Comments

comments

LEAVE A REPLY