“Una domenica diversa” a Poncarale: il 2 settembre la 16esima edizione

0

Si terrà domenica 2 settembre 2012 presso il Lago Mella di Poncarale, in via Martiri della Libertà 19, la Sedicesima edizione dell’iniziativa “Una domenica diversa”, che riunirà all’insegna del divertimento e della solidarietà numerosi ragazzi disabili, provenienti da numerosi comuni della provincia di Brescia, e le loro famiglie.

“Una domenica diversa” nasce nel lontano 1996 per volere di un piccolo gruppo di volonterosi che si riconoscevano nel desiderio di stare vicino agli altri, soprattutto a quanti hanno difficoltà e soffrono in silenzio il disagio della disabilità: si trattava del Gruppo Pescatori Cral Ocean di Verolanuova, di Giovanni Cavagnini e sua moglie Anna, degli amici Giuseppe Scaglia e Paolo Pancera che si dilettavano nella pesca agonistica al Laghetto Mella, sito appunto tra la frazione di Borgo di Poncarale e Bagnolo Mella.

Con il sostegno di numerosi sponsor, in primis il Gruppo Deral di Manerbio con il suo gruppo pescatori, sin dal primo mattino del 2 settembre prossimo il laghetto si animerà di persone che cominceranno a preparare gli spazi per la pesca, per il gioco, per il pranzo, accenderanno i fornelli, prepareranno le vettovaglie, nell’attesa dei ragazzi. E i ragazzi non si faranno attendere. Come per ogni edizione arriveranno alla spicciolata, si iscriveranno con parenti, amici e pescatori alla gara di pesca, si abbiglieranno con cappellini e magliette preparate per l’occasione.

Gli ospiti potranno arrivare sin dalle ore 9.00. Alle 11.00 il sacerdote celebrerà la Messa della domenica, alle 12.00 tutti si predispongono per il pranzo (lauto, ricco di leccornie) e alle 15.00 via alla pesca delle trote. Ragazzi e pescatori si alterneranno nel lancio dell’amo e dopo una lauta merenda il pescato verrà come al solito pesato per la nomina del vincitore.

Anche la Sedicesima sarà una edizione ricca di attività ma molto impegnativa. Tutti naturalmente sono invitati, per un momento di solidarietà ma anche di sano divertimento, all’insegna della condivisione con quanti hanno avuto vite difficili.

Comments

comments

LEAVE A REPLY