2012, la fine dei Maya

0

(a.t.) Che fine faranno i Maya? Il 2012 – quasi certamente – non sarà la fine del mondo. Ma per la Leonessa l’anno orribile della crisi potrebbe comunque segnare la fine delle Grandi mostre. Da tempo, infatti, il Comune di Brescia sta progettando un’esposizione dedicata alla civiltà centroamericana (“Maya, i signori del tempo”), facendo seguito a quella già organizzata – con buon successo – sugli Inca. Ma la strada appare sempre più in salita. Di mezzo ci si sono messe prima le difficoltà di bilancio di Palazzo Loggia, costretto ad aumentare le imposte e a tagliare servizi importanti per far quadrare i conti. Ma nelle ultime settimane il sindaco Adriano Paroli e l’assessore alla Cultura Andrea Arcai sono apparsi molto determinati a procedere comunque. L’impegno per il Comune sarebbe “soltanto” di 700mila euro, mentre la restante parte verrebbe coperta dalle Fondazioni. E l’indotto potrebbe essere significativo. Le perplessità, anche nella maggioranza, però non mancano. La Lega, in particolare, appare determinata a mettere il veto su un evento che, a pochi mesi dal voto, rischierebbe di suscitare non pochi malumori nell’opinione pubblica. Ed ora a darle man forte è arrivato l’affaire Matisse. Mentre Artematica e Comune (maggioranza e opposizione compatti, tranne alcuni) litigano sul numero dei biglietti, infatti, appare difficile pensare che la Loggia possa impegnarsi in una nuova avventura. Tanto più con la stessa società che si rifiuta oggi di dare i numeri che potrebbero mettere a tacere tutto. O ingigantire la polemica.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Il Sindaco Paroli ha dichiarato che la Mostra dei Maya potrà essere fatta grazie anche alle entrate date dall’IMU … (perplessità) … ma io l’IMU l’ho pagata per la Mostra? … Non è meglio usare questi soldi per pagare i servizi sociali che sono stati tagliati? O per cose più urgenti? Credo che se per un paio d’anni la città non presenta una Mostra non succeda nulla di grave o no?

  2. Il Sindaco Paroli ha dichiarato che la Mostra dei Maya potrà essere fatta grazie anche alle entrate date dall’IMU … (perplessità) … ma io l’IMU l’ho pagata per la Mostra? … Non è meglio usare questi soldi per pagare i servizi sociali che sono stati tagliati? O per cose più urgenti? Credo che se per un paio d’anni la città non presenta una Mostra non succeda nulla di grave o no?

  3. Non ci avranno pensato i Maya alla fine del mondo, ma alla fine delle Grandi Mostra a Brescia, Maya compresa, ci avranno pensato le "sortite" del trio Arcai, Lechi, Artematica. Per cui una piccola Brescia in alternativa alle grandi mostre, non c’è male.

  4. Troppo lontani i tempi di quando l’ex ministro dell’economia Tremonti e compagno di partito, non che collega parlamentare di Paroli, quando affermava che con la cultura non si mangia!

  5. Ma veramente Brescia ha bisogno di una mostra sui Maya? Ho fatto un piccolo sondaggino tra gli amici e conoscenti. Risultato? Frega niente a nessuno. S.Giulia doveva essere il museo della città. E’ diventata patrimonio UNESCO grazie ai Longobardi. Non certo ai Maya. Fare una mostra sui Longobardi mi sembrava la cosa più logica da fare. Invece invocano i Maya. Ma per favore! Ridimensioniamo le velleità culturali oltesoceano a tempi migliori. La gente non capirebbe perchè spendere anche un solo auro per una mostra di ossa e terracotte di terre lontane e di popolazioni ormai ridotte a vivere come anche noi dovremo fare. Chissà…magari, in un futuro nemmeno troppo lontano faranno una mostra in qualche paese del Sudamerica sugli italiani ormai culturalmetne estinti.

LEAVE A REPLY