Mille Miglia, una “quasi vittoria” per l’Aci Brescia

    5

    E’ “quasi vittoria” per l’Aci di Brescia. Ma nel frattempo a perdere è stata ancora una volta la Leonessa, perché – come troppo spesso avviene in Italia – i tempi per la decisione definitiva, che potrebbe avere anche ripercussioni sulla prossima edizione della Mille Miglia, si spostano ancora più in là, al 10 ottobre. E Brescia è costretta ad aspettare per conoscere le sue sorti. Il giudice del Tar Giorgio Calderoni, infatti, ha accolto sotto condizione la richiesta – avanzata dal presidente dell’Aci Brescia Aldo Bonomi – di sospendere il decreto di commissariamento imposto dall’Aci nazionale all’ente di via Enzo Ferrari. L’Aci rimarrà “sotto tutela” fino al 10 ottobre. Poi il giudice competente prenderà la decisione definitiva. Ma prima, entro il 30 settembre, la palla passerà al ministero. Entro quella data, infatti, il dicastero guidato da Piero Gnudi dovrà redarre una relazione sui conti dell’ente bresciano. Tenendo conto comunque di un elemento in più. Secondo il Tar, infatti, il ministero e l’Aci nazionale – nel deliberare il commissariamento – non avrebbero considerato adeguatamente il fatto che nell’ultimo bilancio il debito dell’Automobil club Brescia nei confronti di quello nazionale si è sensibilimente ridotto, passando dai 6,5 milioni del 2010 ai 2,8 del 2012.

    Comments

    comments

    5 COMMENTS

    1. Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere.Quello che succederà all’Aci di Brescia non ce non può fregare di meno ,tanto ci pensa il genio Bonomi a distruggere tuttoQuello che invece ci interessa é la Millemiglia,che la si faccia e sia organizzata da chi ha dimostrato i averne le capacita e gli ultimi anni ci suggeriscono chi deve essere.

    2. …vuoi vedere che:
      1- il ministero verifica anche il bilancio 2011
      2- il debito c\’è ancora ed è di 2,5 mln
      3- il commissario si accorda con ati e si fa pagare per organizzare la MM2013….
      prezzo ? 2,5 mln….tanto con qualche sponsor "istituzionale" il buon casali a roma li rimedia….
      p.s.: comunque l\’errore è stato nostro…creare 6 anni fa le condizioni per far passare di mano l\’organizzazione… c hi è causa del suo mal…..

    3. ….come perdere tempo :…prendete un italiano, in mano a istituzioni italiane…e il gioco è fatto. dov’è la giustizia?nemmeno qui…nel ping pong c’è regolarità?

    4. Per il lettore che si firma "Ma pensa te". Il messaggio è stato cancellato perché era offensivo e conteneva affermazioni passibili di denuncia. I commenti del sito sono aperti e liberi, ovviamente nel rispetto delle leggi e delle persone. Le chiediamo per tanto di esprimere la sua opinione evitando volgarità e accuse non dimostrabili. Grazie.

    LEAVE A REPLY