Molesta ragazzini al parco e aggredisce la mamma-agente. Arrestato 36enne tunisino

22
Bsnews whatsapp

Ha avvicinanto due bambini, di 5 e 7 anni, con una scusa mentre giovano nei giardini di via Verrocchio cercando di convincerli a seguirlo. Ma un altro bambino di 10 anni che giovana poco distante ha notato la scena ed essendo figlio di un’ispettrice della Questura di Brescia, ha avvisato prima la baby-sitter che aveva in affido i due fratellini per poi correre a casa e raccontare tutto alla mamma che non ha perso tempo ed è immediatamente intervenuta. Intuito il pericolo, l’ispettrice dopo aver parlato con alcuni ragazzini che hanno confermato il racconto del figlio e la presenza di un molestatore nel parco, ne ha riaccompagnati a casa cinque prima di fare ritorno al parco e accorgersi che il molestatore era tornato lì. Aggredita da quest’ultimo, un tunisino di 36 anni, che ha iniziato a minacciarla con una bottiglia, la donna lo ha seguito informando la centrale operativa del 113 su quanto accaduto. In via Lusetti una Volante è riuscita a bloccare la fuga del tunisino che però ha aggredito anche gli agenti e una volta portato in caserma ha iniziato a rovesciare scrivanie e buttare tutto all’aria. Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale ora si sono aperte le indagini per capire le presunte attenzioni rivolte dall’uomo ai bambini.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

22 COMMENTI

  1. Ma il giudice che lo ha lasciiato andare in giro libero nel 2011 non ha dei figki?……??…… e’ lui che dovrebbe rispondere di questi animali ora!!!!!!

  2. ma l’ispettrice-mamma (grado non infimo in polizia) non aveva la propria arma d’ordinanza per difendersi e difendere? O come fanno tanti agenti la lasciano a fine turno in armeria per non avere l’occasione/la rogna di doverla usare fuori servizio?
    Stavolta le è andata bene (anche ai bambini) ma se fosse servita le sarebbe rimasto il rimorso per sempre (se fosse sopravvissuta).
    Non vuole essere una polemica sterile, ma a volte le armi servono a scopo dissuasivo…negli USA molto probabilmente il reo sarebbe stato fermato sul posto: perchè considerano il danno che poteva provocare maggiore del danno a suo carico (cioè fermato con l’uso delle armi, non è detto che sarebbe stato ucciso di sicuro, ma bisogna trovarsici in mezzo.
    Certo all’ispettrice è andata bene in tutti i sensi, se avesse dovuto usare l’arma avrebbe per assurdo LEI dovuto dimostrare la correttezza dell’uso stesso…..non eventualmente il pubblico ministero.
    E’ tutto sbagliato, è tutto da rifare.

  3. Invitiamo il lettore di cui abbiamo moderato diversi commenti (in questa occasione come già in passato) a mantenere un atteggiamento rispettoso nei confronti del sito, dei lettori e delle persone citate negli articoli. Eventuali spiegazioni verranno fornite esclusivamente via mail.

  4. …mi chiedo dove sta la giustizia italiana, quando i giudici la applicheranno ? devono essere molestati i figli della casta perchè si decida di lasciare in galera questi spregevoli individui ????
    ha ragione labolani, questo bell’ospite non deve soggiornare nelle nostre galere a gratis, ma marcire nei tuguri della tunisia tra i suoi simili………., oppure lo mettiamo in una gabbia appeso alla torre mirabella !!!

  5. anche se il magistrato che lo lascio’ libero nel 2011 ha dei figli mica li lascia giocare nel parco comunale insieme ai nostri , loro sono di un altra casta

  6. ..hai ragione bresciano, prima di mandarlo al parco il bravo magistrato si accerta con la scorta che non vi siano elementi di disturbo per il suo piccolo……

  7. oltre la metá delle donne italiane, dicono le statistiche, ha subito almeno una volte nella vitá una qualche forma di violenza o molestia sessuale.
    saranno mica tutti tunisini i molestatori?
    vuol dire che una percentuale enorme di italiani sono molestatori.
    prende rsela con il mostro di turno forse serve a non accorgersi dei tanti (ma tanti) mostri che ci sono molto (ma molto) vicini. così siamo piú tranquilli?

  8. …FORSE HAI SBAGLIATO RUBRICA, QUì SI STA PARLANDO DI UN TUNISINO, QUANDO SARà LA VOLTA DI UN ITALIANO PARLEREMO ANCHE DI LUI, PER ORA LE STATISTICHE LE PUOI METTERE NELLA STUFA, SE NO PORTALE ALLA MAMMA DEL BAMBINO MOLESTATO E PARLA CON LEI CHE TI DARà ASCOLTO…………

    IL TUO TENTATIVO MISERO E BISLACCO DI PORTARE LA DISCUSSIONE SUL TUO PIANO ESCLUSIVAMENTE POLITICO NON REGGE AMICO,IL TITOLO LO SCRIVE BSNWES……ARRESTAT O 36ENNE TUNISINO, QUINDI PER ORA GLI ITALIANI LASCIALI IN PACE !!!!!

  9. giusto! lasciamo in pace i pedofili ed i molestatori che a milioni violentano ed abusano donne e bambini, quasi sempre tra le mura domestiche, da parte di padri, zii, mariti. lasciamoli stare in pace, che vadano avanti nel loro lavoro. a noi interessa il mostro tunisino, l’uomo nero che fa paura. sogni tranquilli ragazzi !!

  10. Ogni volta che si parla di delinquenti immigrati salta sempre fuori quello che dice che anche gli italiani delinquono. E’ come se si bucasse la ruota dell’auto e si colpevolizzasse l’aria condizionata che non va. Ma cosa c’entra? Anche gli italiani emigrati all’estero delinquono, anche, ad esempio, i turchi in Germania delinquono, più o meno dei tedeschi non lo so, ma non importa, perchè qualunque altro popolo in qualunque altro stato può delinquere. Tutto questo non giustifica una considerazione OBIETTIVA: l’immigrazione clandestina in suolo italiano, specialmente da alcune zone del nord Africa e dei balcani, importa per la maggior parte dei casi DELINQUENTI. E non esistono politiche di integrazione efficaci quando non esiste alcuna volontà di integrazione.
    Se un maniaco molestasse mia figlia deve pregare il suo Dio (qualunque esso sia) che lo fermi un uomo dell’ordine prima che possa intervenire io. Il problema è che quando è extracomunitario e si calca la mano a qualcuno piace molto dipingerci (noi italiani) come razzisti.

  11. "l’immigrazione clandestina in suolo italiano, specialmente da alcune zone del nord Africa e dei balcani, importa per la maggior parte dei casi DELINQUENTI" : dimostralo coi fatti e compara i tuoi numeri o dati con numeri o dati riguardanti cittadini italiani IN ITALIA. il tuo ragionamento è unicamente ipocrita, come ipocrita è lo "ius sanguinis", la terra ed i confini sono cose imposte da soldi/religioni/armi , in natura i confini non esistono e le cose sono in continuo mutamento.

  12. perché esiste anche l’immigrazione non clandestina? i milioni di stranieri regolari in italia, che non sono delinquenti ma lavoratori ai quali dobbiamo rispetto, sono stati tutti clandestini, perché non si può entrare in italia in altro modo. poi con le sanatorie sono diventati tutti regolari. anche la lega ha fatto sanatorie, eccome. anche i 60 milini di italiani all’estero erano in gran parte clandestini ai loro tempi.

  13. Riesci sempre a trovare i sinistri che li difendono questi animali….da non crederci.Dio non voglia che un giorno un bravo tunisino faccia questo alle loro famiglie.

  14. Rispondo solo a 29 luglio: comando polizia provinciale di Brescia. Nel 1985 gli arresti per reati contro cose, persone e traffico di stupefacenti (furti, rapine, borseggi, stupri, omicidi, spaccio) era ascrivibile al 93% a cittadini italiani. Nel 2010 gli stessi arresti oltre ad essere cresciuti del triplo, sono stati eseguiti su cittadini extracomunitari nel 86% dei casi. Di questi il 62% era senza permesso di soggiorno. Ecco i dati, non di casa pound, non di qualche comitato di circoscrizione leghista ma della polizia provinciale.
    Nello stesso periodo nella provincia di Brescia il fattore occupazionale dei lavori più usuranti è stato coperto per il 78% da personale extracomunitario, a riprova che comunque l’immigrazione serve per trainare l’economia bresciana, senza riempirisi la bocca con nessun "ius sanguinis".
    Non mi dilungo invece sull’analisi statistica della nazionalità di provenienza dei cittadini extracomunitari che lavorano e che delinquono perchè, oltre ad averlo già detto nel precedente post, "in natura i confini non esistono e le cose sono in continuo mutamento". Come avrai notato parlo di Brescia, la mia città, non di Palermo, Cuneo o Bolzano. Parlo della città che su 80000 cittadini residenti nel suo centro stima circa 38000 extracomunitari (non ho sbagliato gli zeri sono esattamente 3 e la stima della polizia è al ribasso). Poi se vi piace canatare bandiera rossa, bevendo il lambrusco, mentre commentate su questi articoli, non sarò certo io a giudicarvi. Ma il problema resta.

  15. concordo con matteo……ci metto pure le carceri, italiane, costruite e pensate per ospitare delinquenti italiani allora……oggi per i benpensanti strapiene e invivibili….per forza , il 90% della popolazione carceraria è costituita da estracomunitari che non dovrebbero essere quì a delinquere…..
    com e se casa tua costruita per ospitare te e la tua famiglia diventasse stretta di colpo perchè i tuoi " ospiti" sono decuplicati……… …

  16. questo tunisino, come tutti gli stranieri, del resto, DEVE PER LEGGE essere ospitato in casa di comunisti, i quali dovranno provvedere a sfamarlo, vestirlo, dargli un letto e provvedere ai suoi bisogni sessuali. rimanendo, comunque responsabili, per sue azioni fuori casa.
    CARI COMUNISTI, VOLETE GLI STRANIERI??? PORTATEVELI IN CASA VOSTRA!!!!!!!!!!!

RISPONDI