Centomiglia del Garda, ecco tutti i vincitori

0

“Clan-Grok” di Oscar Tonoli ha vinto la 62° edizione della Centomiglia del lago di Garda. Ha tagliato il traguardo appena dopo le 17. E sul gradino più alto del podio salgono anche gli svizzeri di “57° Bol d’or” dello skipper Olivier Schenker, guarda caso la Centomiglia del lago di Ginevra, i primi della Multi Cento e del trofeo intitolato a Giorgio Zuccoli. Seconda assoluta è giunta “Stravaganza” che aveva condotto per quasi ¾ della gara. Nelle varie classi i successi sono andati all’Asso Evolution “Fontessa” dell’olandese Bierman con a bordo il brasiliano Robert Scheidt, 5 volte medaglia olimpica. Negli Asso tradizionali hanno vinto i fratelli Cavallini con “Idefix” davanti a pluricampioni italiani di “Assterisco”. “Machete” di Bruno Fezzardi ha regolato tutti nei Crociera più grandi conquistando anche il Trofeo Beppe Croce. Nei Mono-Proto moderni bel primo posto del Farr 400 con Sandro Montefusco alla barra. “Phoenix”, barca svizzera della serie Modulo 105 di Ettore Santarelli oltre a vincere la Libera B ha meritato il Trofeo Regione Lombardia per le carene di media lunghezza. Nella sua classe ha battuto “Cassiopea” di Claudio Tonoli ed Enrico Torri, barca che vinse la Centomiglia nel lontano 1972. Nei vari Crociera i primi posti sono andati a “Itai Doshin” di Valsecchi (Gruppo C e A), “Raffika” di Dante Bubola (D),”Blu sail” di Winfried Sepin (Gruppo E), “Chaos” di Bernard Kraus (E); negli Ufoni allo “Spinello” condotto da Giorgio Zorzi, nei Proto B al croato “Code 7” di Kresimir Daulovic. Tra i Monotipi nei Protagonist si impone “El Moro” di Giovanelli e Pavi, nel Dolphin il “Twister” di Mattia Polettini,nei Surprise nuovamente “Speedy” dei veronesi Pighi e Bottaccini, nell’Ufo 22 “Mont Blanc” di Vincenzo Montanariello, nei Dolphin Odj “Zero Uno” di Diego Motta per i colori dell’Avas del lago d’Iseo, nel J 80 l’Antigraffio di Luca Bezzan, nei Fun il “Lestofante” di Federico Biraghi, nei Mono C l’interessante Cool Runnigs, per metà barca inglese per metà tedescio con alla barra Thorkild Juncker.

La Multi Cento, trofeo dedicato a Giorgio Zuccoli, c’è stato un arrivo emozionante con gli M 2 svizzeri tutti vicinissimi. Si è imposto “75 Bol d’or” di Oliver Schenker che nel suo gruppo ha battuto “Team 21E e “Safram”, nei 20 piedi affermazione per il Tornado di Mirco Mazzini, tra i grandi dell’Hagar di Stimpfl e Taddei dello Yacht Club Bolzano, primi per buona parte della gara. Nel raggruppamento degli oltre 30 piedi hanno preceduto i tedeschi Sach e l’olimpionico svedese Goran Marstrom.

Il lungo week end della 62° Centomiglia si è chiuso con le due nuove regate riservate al Kite ed al Windsurf, ottimo il vento ed anche la partecipazione con quasi 100 atleti al via.

Comments

comments

LEAVE A REPLY