Progetto Civitas, Brescia modello in tutta Europa. A Bruxelles l’esperienza del vicesindaco Rolfi

0

Fabio Rolfi, vicesindaco e assessore alla Mobilità e traffico del Comune di Brescia, e Giandomenico Gangi, responsabile del settore Trasporto pubblico locale, sono stati invitati a partecipare il 19 settembre a Bruxelles a EU-China Mayors’ Forum (www.euchinamayorsforum.eu), un importante workshop organizzato nell’ambito del progetto Civitas per mettere a confronto e far dialogare le realtà più virtuose del nostro continente e della Cina in materia di organizzazione urbana della mobilità secondo i parametri di sostenibilità, basso impatto energetico e riduzione delle emissioni. Sono quattro, tra le cinquantanove che lavorano in Civitas, le città del continente selezionate dalla Commissione europea come realtà modello per illustrare i risultati positivi ottenuti negli ultimi quattro anni: Lubjiana, Stoccolma, La Rochelle e Brescia. I rappresentanti di queste quattro città illustreranno progetti futuri e risultati ottenuti a una delegazione cinese composta da oltre 100 persone, tra cui sindaci, professionisti del settore, una rappresentanza governativa e dal Primo ministro Wen Jiabao. Durante il convegno è attesa anche la visita del presidente della Commissione Europea, Jose Manuel Barroso. “Il lavoro costante in direzione della mobilità sostenibile e l’adesione al progetto Civitas, che ci consente di confrontarci sistematicamente con realtà europee all’avanguardia in questo settore, ci hanno permesso di ottenere risultati importanti che configurano Brescia come un modello a livello europeo – ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla Mobilità e traffico del Comune di Brescia, Fabio Rolfi – Il fatto che la nostra città sia stata selezionata insieme a realtà come la capitale svedese Stoccolma per rappresentare la virtuosità europea in tema di mobilità sostenibile a una delegazione cinese è motivo d’orgoglio e prova incontrovertibile di come il nostro progetto si stia concretizzando e stia cambiando il modo di concepire la città: non solo pedonalizzazioni delle piazze, promozione della mobilità sostenibile, supporto ai progetti di bike e car sharing, ma anche collegamento tra diversi mezzi di trasporto, istituzione del biglietto unico e progetti di riorganizzazione delle flotte di veicoli per un maggior risparmio energetico. Sono queste le iniziative che siamo stati invitati a illustrare a Bruxelles: un riconoscimento che ci fa capire quanto il lavoro che stiamo svolgendo sia riconosciuto non solo a livello nazionale, ricordo infatti che a Brescia è stata affidata la presidenza delle città amiche del bike-sharing in virtù del successo di Bicimia, ma anche a livello europeo perché grazie a progetti innovativi e dal grande impatto comunicativo, penso a manifestazioni come la Settimana europea della mobilità, stiamo davvero riuscendo a cambiare il modo di vivere la città anche in vista dell’ormai prossima entrata in funzione della metropolitana”. Il Comune di Brescia fa parte delle 59 Civitas Demostration Cities ovvero le città europee impegnate per lo sviluppo della mobilità sostenibile e per realizzare un approccio integrato volto a promuovere un trasporto pubblico a basso impatto ambientale, con il supporto di progetti dimostrativi che integrino aspetti tecnologici e politiche dei trasporti. Negli ultimi anni sono stati raggiunti in questo senso risultati importanti, tra cui: il rinnovamento della flotta del trasporto pubblico, la realizzazione della Omnibus Card che permette agli utenti di usare lo stesso biglietto per servizi come il Bike Sharing, il Car Sharing, i parcheggi P&R e la metropolitana, l’istituzione della figura del Mobility manager, la realizzazione del progetto City logistics e lo sviluppo di bike sharing e car sharing.

Comments

comments

LEAVE A REPLY